I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Il maestro del silenzio
Edward Hopper a Palazzo Reale di Milano in una mostra senza precedenti in Italia. Oltre 160 opere del grande artista americano capace di esprimere il senso di infinito anche nei soggetti più banali e comuni

img
Morning Sun (Sole al mattino) - 1952, olio su tela, 71,44x101,93 cm Columbus Museum of Art, Ohio, Museum Purchase,Howald Fund 1954.031

Per la prima volta, Milano e Roma rendono omaggio all’intera carriera di Edward Hopper (1882-1967) il più popolare e noto artista americano del XX secolo con una grande mostra antologica, senza precedenti in Italia, che comprende più di 160 opere. La rassegna si terrà a Palazzo Reale di Milano dal 15 ottobre 2009 al 24 gennaio 2010 e, subito dopo a Roma, presso la Fondazione Roma Museo, (febbraio - giugno 2010).
La storia di Edward Hopper è indissolubilmente legata al Whitney Museum of American Art che ospitò varie mostre dell’artista. Dal 1968, grazie al lascito della vedova Josephine, il Whitney ospita tutta l’eredità dell’artista: oltre 3000 opere tra dipinti, disegni e incisioni.
Carter Foster, conservatore del Whitney Museum, ha concesso in occasione della rassegna a Palazzo Reale, il nucleo più consistente di opere.

La mostra vanta tuttavia altri importanti prestiti dal Brooklyn Museum of Art di New York, dal Newark Museum of Art, dal Terra Foundation for American Art di Chicago e dal Columbus Museum of Art.  Suddivisa in sette sezioni, seguendo un ordine tematico e cronologico, l’esposizione italiana ripercorre tutta la produzione di Hopper, dalla formazione accademica agli anni in cui studiava a Parigi (si recò in Europa tre volte dal 1906 al 1907, nel 1909 e nel 1910), fino al periodo “classico” e più noto degli anni ‘30, ‘40 e ‘50, per concludere con le grandi e intense immagini degli ultimi anni. Il percorso prende in esame tutte le tecniche predilette dall’artista: l’olio, l’acquerello e l’incisione, con particolare attenzione all’affascinante rapporto che lega i disegni preparatori ai dipinti. Nato nel 1882 a Nyack, piccola cittadina sul fiume Hudson a una quarantina di chilometri a nord di New York, da una colta famiglia di commerciante di tessuti, Edward Hopper nel 1900 entra alla New York School of Illustrating e un anno dopo alla New York School of Art, dove si dedica alla pittura con gli insegnanti più famosi di New York.  Fin dagli esordi Hopper è interessato a soggetti urbani e architettonici in cui inserire un unico personaggio, isolato e distaccato psicologicamente. Inoltre mette a punto una tavolozza cromatica del tutto riconoscibile, finalizzata ad una resa originale della luce. Mentre lo studio degli impressionisti, in particolare di Degas, gli infonde il gusto per la descrizione degli interni e per l’inquadratura fotografica. Per qualche anno si dedica all’incisione, abbandonando temporaneamente la pittura, con cui non riesce a mantenersi. È con l’incisione che riceve i primi numerosi premi e riconoscimenti della critica e dalla National Academy of Design. Ma ottiene presto successo anche con i suoi acquerelli. Nel 1924 sposa Josephine Nivison, un matrimonio burrascoso ma indissolubile: Jo diventa la modella di tutte le sue figure femminili, oltre che la sua unica musa e portavoce. Alla fine degli anni Venti crescono la fama e le vendite per l’artista e il suo realismo pittorico viene considerato come lo stile  americano per eccellenza. Non più definito un incisore che dipinge, viene lodato per la capacità di esprimere quel senso di  infinito, potenziale proprio dei soggetti più banali e comuni, e diventa per tutti “il pittore della solitudine”.

 img
Soir Bleu - 1914, olio su tela, 91,4 x 182,9 cm Whitney Museum of American Art, New York; lascito Josephine Nivison Hopper 70.1208 © Heirs of Josephine N. Hopper, licensed by the Whitney Museum of American Art.

Le prime sezioni della mostra illustrano le opere del periodo accademico e parigino. Mentre la sala dedicata Hopper incisore mette in evidenza la sua tecnica elegante e quel “senso di incredibile potenzialità dell’esperienza quotidiana” che segna l’inizio di una felice carriera. Nella sezione che celebra la straordinaria mano di Hopper, viene presentato un gruppo significativo di disegni preparatori per il famoso Morning Sun (1952) e per il precedente New York Movie (1939). Questa sezione svela quanto il “realismo hopperiano” non sia una semplice riproduzione dal vero, bensì il frutto di una sintesi di più immagini e situazioni, colte in tempi e luoghi diversi, resa spesso al meglio con un taglio cinematografico. Le sale dedicate a “L’erotismo di Hopper” e “I concetti essenziali: il tempo, lo spazio, la memoria” illustrano al meglio la poetica dell’artista, il suo discreto realismo e soprattutto l’abilità nel rivelare la bellezza nei soggetti più comuni, divenuti delle vere e proprie icone, come testimoniano i celebri capolavori esposti: Cape Cod Sunset (1934), Second Story Sunlight (1960) e A Woman in the Sun (1961). La mostra è arricchita di un importante apparato fotografico, biografico e storico, in cui viene ripercorsa la storia americana dagli anni ‘20 agli anni ‘60 del XX secolo: la grande crisi, il sogno dei Kennedy, il boom economico.

•LA MOSTRA: “Edward Hopper”  - Palazzo Reale MILANO - dal 14 ottobre al 24 gennaio. INFO: Tel. 199.202.202
 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Sassofono mania. La collezione di Sax di Attilio Berni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La luce e i silenzi: Orazio Gentileschi e la pittura caravaggesca nelle Marche del Seicento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Con nuova e stravagante maniera. Giulio Romano a Mantova
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Luca Signorelli e Roma. Oblio e riscoperte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Canova. Eterna Bellezza
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Giapponismo. Venti d’Oriente nell’arte europea. 1860 – 1915
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Impressioni d’Oriente. Arte e collezionismo tra Europa e Giappone
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
De Pisis
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Futurismo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Gli anni Venti in Italia. L’età dell’incertezza
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Bacon, Freud, la scuola di Londra. Opere dalla Tate
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
De Chirico
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Natalia Goncharova. Una donna e le avanguardie tra Gauguin, Matisse e Picasso
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
#FacceEmozioni. 1500-2020: dalla fisiognomica agli emoji
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Napoli Napoli. Di lava, porcellana e musica
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Fili d’oro e dipinti di seta. Velluti e ricami tra Gotico e Rinascimento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Libri e Manoscritti all’incanto
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Carosello. Pubblicità e Televisione 1957-1977
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Cha-Ching! L’arte del risparmio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Artisti per Nuvolari
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Biennale Internazionale dell’Antiquariato di Firenze
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
69ª Borsa Scambio del giocattolo d'epoca
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mercatino di Sabbioneta (MN) il 28 e 29 settembre un’edizione straordinaria
Leggi tutto...