I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

SHUNGA - L'arte dell'amore nelle stampe dell'epoca dei Tokugawa (1603-1867)

A Palazzo Reale, Milano dal 21 ottobre 2009 al 31 gennaio 2010

 

Le shunga (__), termine giapponese che letteralmente significa «immagini della primavera», sono un genere di stampe a soggetto erotico che raggiunsero la loro massima fioritura nel periodo dello shogunato Tokugawa, tra il 1603 e il 1867.
Create con la tecnica della xilografia policroma, sono tra le più significative espressioni artistiche della celebre corrente pittorica dell'ukiyo-e.

 

In estrema sintesi, esse rappresentano la manifestazione d'una riflessione etica ed estetica sulla brevità e sulla transitorietà della vita, riflessione che esprime -da un punto di vista sociale- i valori del nuovo ceto borghese delle grandi città, composto da mercanti, artigiani e artisti, escluso dal potere politico, ma economicamente fiorente, che afferma una concezione edonistica dell'esistenza, in contrasto con la rigida morale neoconfuciana sostenuta dalla classe guerriera che reggeva in quei secoli il governo centrale del Giappone. Questi cittadini offrono un esempio di vita raffinata, ostentano il lusso, organizzano feste, frequentano i teatri: così il termine ukiyo-e, che designa l'arte ispirata a tale genere di vita, diventa sinonimo di «moderno», alla moda, ed esprime una sorta di filosofia incentrata sul gusto di un'esistenza piacevole e, per quanto possibile, appagante dei desideri personali.
Nelle raffigurazioni degli artisti legati a questa corrente di pensiero, le rappresentazioni dei piaceri della sessualità sono espressione di un'ideologia, che fa da contraltare visivo a una produzione letteraria piena di sensualità che si afferma con i cosiddetti «romanzi del mondo fluttuante», fra i quali ricordiamo le opere di celebri scrittori come Ihara Saikaku e Ejima Kiseki.
Superando i divieti e gli ostacoli del potere politico, le shunga si affermano come componente importante della produzione dei più importanti artisti del tempo come Harunobu, Koryusai, Kiyonaga, Utamaro e Hokusai, e vengono molto apprezzate dai contemporanei, sia come stampe, sia come illustrazioni per romanzi erotici e per manuali destinati all'educazione delle cortigiane e delle giovani spose.
Collezionati segretamente in Europa, a partire dalla seconda metà dell'Ottocento, dopo che il Giappone fu costretto ad aprire le sue isole alle navi straniere e agli scambi commerciali col mondo occidentale, furono motivo di ispirazione diretta di letterati e artisti della levatura di Zola e di Klimt, e influirono in modo significativo sulla riflessione artistica nell'ambito dell'Orientalismo della fine del XIX e dell'inizio del XX secolo.
Considerate per molto tempo immagini di carattere pornografico, nonostante il loro altissimo valore artistico, le shunga sono state oggi rivalutati sia come espressione «alta» della cultura giapponese e specchio raffinato dei costumi del loro tempo, sia come uno dei vertici assoluti dell'espressione dell'eros nell'arte.
Le opere - Le opere in esposizione appartengono tutte al Museo delle Culture (volumi e stampe) e a collezionisti privati svizzeri, tedeschi e italiani (stampe).
L'esposizione temporanea si compone di 150 stampe originali di formato variabile (ma in maggioranza 40 cm di base per 30 cm d'altezza ca.), incorniciate in quadri, tutti del medesimo formato, che presenta l'evoluzione delle shunga, dalle origini a Goyo (1880- 1921) l'ultimo grande artista del genere, e comprende tutti gli artisti più noti, come Harunobu, Koryusai, Kiyonaga, Utamaro e Hokusai.

•LA MOSTRA: “Shunga. L'arte dell'amore nelle stampe dell'epoca dei Tokugawa (1603-1867)”  - Palazzo Reale MILANO - dal 21 ottobre al 31 gennaio. INFO: Tel. 199.202.202

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Sassofono mania. La collezione di Sax di Attilio Berni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La luce e i silenzi: Orazio Gentileschi e la pittura caravaggesca nelle Marche del Seicento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Con nuova e stravagante maniera. Giulio Romano a Mantova
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Luca Signorelli e Roma. Oblio e riscoperte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Canova. Eterna Bellezza
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Giapponismo. Venti d’Oriente nell’arte europea. 1860 – 1915
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Impressioni d’Oriente. Arte e collezionismo tra Europa e Giappone
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
De Pisis
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Futurismo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Gli anni Venti in Italia. L’età dell’incertezza
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Bacon, Freud, la scuola di Londra. Opere dalla Tate
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
De Chirico
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Natalia Goncharova. Una donna e le avanguardie tra Gauguin, Matisse e Picasso
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
#FacceEmozioni. 1500-2020: dalla fisiognomica agli emoji
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Napoli Napoli. Di lava, porcellana e musica
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Fili d’oro e dipinti di seta. Velluti e ricami tra Gotico e Rinascimento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Libri e Manoscritti all’incanto
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Carosello. Pubblicità e Televisione 1957-1977
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Cha-Ching! L’arte del risparmio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Artisti per Nuvolari
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Biennale Internazionale dell’Antiquariato di Firenze
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
69ª Borsa Scambio del giocattolo d'epoca
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mercatino di Sabbioneta (MN) il 28 e 29 settembre un’edizione straordinaria
Leggi tutto...