I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
UNA COLLEZIONE SQUISITAMENTE VALENTINIANA

La raccolta di Elisabetta Gulli Grigoni.

Servizio di Francesca Marcarino
img
Particolare di un cuore - Collezione Grigioni


Elisabetta Gulli Grigioni, laureata in filosofia con una tesi su Claude Lévy Strauss, da oltre 30 anni si dedica alla raccolta e allo studio di oggetti e documenti grafici legati alla tradizione popolare e all’uso dei simboli, in particolare il cuore. Su questi temi collabora con riviste specializzate, cura esposizioni e cataloghi, è autrice di pubblicazioni e strumenti di studio. La sua grande casa-studio a Ravenna è letteralmente, piacevolmente, invasa da cuori (sono oltre 1.800 quelli antichi databili fra il ‘600 e la prima metà del ‘900; mentre di cuori ‘contemporanei’ ne ha collezionati innumerevoli: dal telefono, al palloncino, al mouse!). Cuori di tutte le forme, fogge, dimensioni affollano scaffali, pareti, deliziose piccole teche.
Quasi un piccolo museo... squisitamente ‘valentiniano’. «Ogni anno - spiega - il ripresentarsi della festa di San Valentino invita uomini e donne a compiere azioni romantiche di vario tipo, legate alla memoria sentimentale oppure propiziatrici di un roseo futuro amoroso, promesso o ancora da svelare. Al rito individuale e privato fa da cornice un ampio cerimoniale collettivo.»
Ma qual è l’origine di questa ricorrenza ormai quasi mediatica? «Il dono metaforico del proprio cuore è il momento culminante della mistica dell’amore, tanto sacra che profana, diffusa in Europa nel Medio Evo. Il momento più alto del mistico rapporto era, poi, costituito dallo scambio simbolico dei cuori che esprimeva con la massima intensità la reciprocità del sentimento. Verso la metà degli anni Settanta, e pienamente negli anni Ottanta del secolo scorso abbiamo assistito a un revival generale del ‘privato’, dell’innamoramento e dell’amore.»
img
Particolare di un cuore - Collezione Grigioni

Una causa dell’attuale ‘rinvigorirsi’ del simbolismo del cuore va attribuita, senz’altro, al diffondersi della festa di San Valentino che, con il Natale e le feste della Mamma e del Papà, costituisce uno dei punti di forza del calendario del cuore.
 Il San Valentino ha visto, inoltre, l’importazione dal mondo anglosassone di forme e oggetti che hanno ispirato grafici e designer. I settori in cui si è colto maggiormente il ritorno alla forma a cuore sono quelli dei gioielli e degli accessori.
«Si tratta di una tradizione importata - conclude - che si innesta però nella cultura autoctona, quella della civiltà contadina che ha riservato sempre molta importanza alle tradizioni amorose. Con la riscoperta di massa, del folklore, che in quanto a oggetti è stato un formidabile rielaboratore della forma a cuore, si sono riversati sul mercato, accanto alle anglosassoni ‘valentine’ (i classici cartoncini ornati da emblemi romantici, spesso ripresi dal repertorio vittoriano, da inviare per posta con o senza busta) cestini di vimini, trecce di paglia, pani e dolci, scatole di conchiglie o di balsa e stampi a non finire. È doveroso aggiungere, quale motivo di successo della simbologia cuoriforme, anche il generale recupero della cultura dell’ottocento, epoca in cui il cuore fu estremamente diffuso come motivo decorativo, sacro e profano».
“L’infanzia e l’adolescenza trascorse a Bolzano” racconta Elisabetta Gulli Grigioni,  “hanno fatto sì che incontrassi presto la forma del cuore e me ne innamorassi: architettura, arredamento, tessuti, ricami, ornamenti, oggetti di artigianato...Tutte cose guardate, nelle vetrine della Laubengasse (Via dei Portici) con desiderio inappagato perché nell’immediato dopoguerra le possibilità economiche erano molto ridotte. Ebbi una culla tirolese con testata a forma di cuore nella quale non tenevo le bambole ma piccoli oggetti per me meravigliosi: fu la mia prima Wunderkammer.
Il primo pezzo acquisito con la consapevolezza della ricerca culturale e della collezione è un ferma catena scorrevole, fine Ottocento, in smalto blu e argento ornato da mezzaluna e stella, comperato a Tunisi nel 1971. Avevo comunque già acquistato altri oggetti cuoriformi. Gli oggetti più importanti li ho trovati alle mostre di Parma, specialmente durante il Mercanteinfiera. Ho comunque frequentato molti mercati e mercatini antiquari: Milano, Modena, Desenzano, Venezia, Padova, Fano, Arezzo,  Pennabilli...Anche il mercatino di Ravenna è stato, ed è tuttora, luogo di notevoli acquisti. Poi, naturalmente, i negozi antiquari”.
 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Carte da gioco. La collezione di Andrea Vietti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo da Vinci 3D
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo in Francia. Disegni di epoca francese dal Codice Atlantico
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo. La Madonna Benois dalle collezioni dell’Ermitage
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo e i suoi libri. La biblioteca del Genio Universale
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’eterna musa. L’universo femminile tra ‘800 e ‘900
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Preraffaelliti. Amore e desiderio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Balla Boccioni Depero. Costruire lo spazio del Futuro
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Fortunato Depero. Dal sogno futurista al segno pubblicitario
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Biennale d’Arte 2019. 58ª Esposizione Internazionale d’Arte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pensatevi liberi. Bologna Rock, 1979
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Cinema in bikini. Italiani al mare: manifesti 1949-1999
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Rock’n’roll Is A State Of The Soul
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pop-App. Scienza, arte e gioco nella storia dei libri animati dalla carta alle app
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’arte del gol. Pittura, scultura, fotografia e il gioco più bello del mondo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Piccoli tasti, grandi firme. L’epoca d’oro del giornalismo italiano (1950 – 1990)
Leggi tutto...
 
i 5arte antica

L’Italia del Rinascimento. Lo splendore della maiolica

Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Urania Casa d’Aste. Successo per i maestri del fumetto italiano
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo da Vinci 3D
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Aste Bolaffi. Oltre 5 milioni per le monete
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Un coniglio da 91 milioni di dollari
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Casa d’Aste Phillips. Orologi da record all’asta di maggio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Liu Bolin-Visible Invisible
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Anthropocene - Edward Burtynsky - Jennifer Baichwal - Nicholas de Pencier
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Roma nella camera oscura. Forografie della città dall’ottocento ad oggi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
100.000 visitatori per Verrocchio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
35º Congresso Internazionale di Storia dell’Arte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L'Antico e le Palme
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La Collezione Cavallini Sgarbi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
East Market Milano
Leggi tutto...