I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Gli amici di Maeght
La storia di Aimé Maeght che nella galleria parigina rappresentò e divenne amico di alcuni tra i più grandi nomi dell’arte del Novecento. A Ferrara, Palazzo dei Diamanti, cento opere ripercorrono il ventennio d’oro della Galerie Maeght, dal 1945 anno di apertura al 1964. Dal 28 febbraio al 2 giugno 2010

img
Aimé Maeght e il suo amato cane Asco alle spalle del Cane di Giacometti il giorno dell’inaugurazione della Fondation Marguerite et Aimé Maeght, 28 luglio 1964 - (particolare) - © foto Jean Mounicq-ANA, Archives Maeght

Bonnard, Matisse, Kandinsky, Braque, Chagall, Miró, Giacometti e molti altri artisti animarono l’universo di Aimé Maeght. Figura chiave della scena artistica del secondo Novecento, egli fu un editore di fama e, soprattutto, fondatore a Parigi di una delle gallerie più influenti e innovative del secolo, nonché, a Saint-Paul de Vence, della Fondation Marguerite et Aimé Maeght, un tempio dedicato alla creazione artistica e un crocevia internazionale di pittori, scultori, poeti, scrittori, musicisti e personaggi della cultura.
Aimé Maeght promosse l’attività di maestri affermati e contribuì alla nascita di una nuova stagione della loro arte. Si dimostrò inoltre attento alle ricerche delle generazioni più giovani, dando prova di saper competere con le gallerie nordamericane protagoniste del rinnovamento artistico del secondo dopoguerra. Per approfondire la conoscenza di un capitolo così avvincente della storia dell’arte moderna, Ferrara Arte organizza la mostra Da Braque a Kandinsky a Chagall. Aimé Maeght e i suoi artisti, che resterà aperta a Palazzo dei Diamanti dal 28 febbraio al 2 giugno 2010. L’esposizione è anche l’occasione per studiare un aspetto della storia dell’arte del Novecento fino ad oggi poco indagato ma assolutamente fondamentale: il mercato dell’arte e i suoi principali animatori, i mercanti e i galleristi.
Un centinaio di opere: soprattutto dipinti, ma anche sculture, ceramiche, disegni, incisioni, affascinanti fotografie e volumi illustrati delle Edizioni Maeght, permettono di ripercorre il ventennio d’oro che intercorre dall’apertura della galleria parigina nel 1945 all’inaugurazione della Fondazione, nel 1964, momento culminante di questa storia sia dal punto di vista creativo che della notorietà internazionale.
Aimé strinse amicizia con due grandi protagonisti dell’arte del Novecento come Matisse e Bonnard, grazie ai quali mosse i primi passi nel mercato dell’arte, abilmente aiutato dalla moglie Marguerite. Negli anni Trenta la coppia aveva aperto un negozio e una stamperia a Cannes. Durante la guerra la donna, rimasta sola a causa della partenza del marito per il fronte, vendette fortuitamente, ad un prezzo esorbitante, un quadro di Bonnard conservato nella stamperia per essere riprodotto. L’artista l’apprezzò e le offrì di vendere altre sue opere. Fu proprio su consiglio di Bonnard e di Matisse che nel 1945 Maeght acquistò la galleria a Parigi, sulla Rive Gauche, inaugurandola con una personale dello stesso Matisse.
Uno dei temi indagati dalla mostra, sarà proprio l’intima amicizia che legava Aimé e Marguerite ai propri artisti, un legame nutrito anche della sensibilità e dell’ospitalità che la donna seppe sempre dimostrare loro. Tramite la figlia di Matisse, Marguerite, nel 1945 Aimé conobbe Braque con il quale in breve nacque un’amicizia profonda e uno scambio fecondissimo. Fondatore del cubismo assieme a Picasso, Braque era allora un maestro indiscusso dell’arte moderna: il contratto in esclusiva che firmò con Aimé e la mostra allestita nel 1947 rappresentarono il primo traguardo importante della carriera del gallerista.

img
Aimé Maeght e Duke Ellington alla Fondation Maeght, 1966 - (particolare)-

Una sezione della rassegna è dedicata ad uno degli episodi che fecero più scalpore nella storia della galleria, la memorabile esposizione Le Surréalisme en 1947  organizzata da André Breton e Marcel Duchamp. Si trattava della prima grande mostra surrealista del dopoguerra, che segnava il ritorno a Parigi dei principali protagonisti del movimento dopo l’esilio nordamericano durante gli anni della Seconda Guerra mondiale. In mostra viene riproposto il catalogo con la provocatoria copertina ideata da Duchamp, che presenta, applicata, una protesi di seno femminile in gomma, accompagnata dalla didascalia “si prega di toccare”, in cui viene ribaltato, con spirito dissacratorio, il rapporto tradizionale con l’opera d’arte. La mostra del 1947 fu per Aimé l’occasione per avviare una collaborazione estremamente fruttuosa e stringere una grande amicizia con Alberto Giacometti, che sino alla metà degli anni Trenta aveva militato nelle fila del surrealismo, in seguito abbandonato per tornare a rappresentare la figura.
Tra i grandi nomi che la Galleria Maeght rappresentò in esclusiva c’era anche Chagall, che vi espose per la prima volta nel 1950 una selezione di dipinti, gouaches, incisioni e ceramiche. La sezione a lui dedicata riunisce un analogo ventaglio di tecniche esplorate dall’artista russo per ricreare visivamente il proprio mondo poetico.
Aimé spaziò dall’arte figurativa all’arte astratta, seguendo una propria poetica personale e una ricerca instancabile della qualità. Per queste ragioni, due anni dopo l’esposizione surrealista, Maeght organizzò una grande mostra dedicata all’opposto versante dell’astrazione. Vi riunì artisti di diversa provenienza, come Kandinsky e Léger. Tra le presenze più assidue della galleria vi furono poi due personalità come Miró e Calder entrambi legati ai Maeght da un contratto di esclusiva e da una solida amicizia. Con il suo atteggiamento sperimentale e le sua propensione per la grafica, Miró fu l’artista che meglio seppe valorizzare la strumentazione e l’esperienza tecnica offerta dai Maeght in quell’ambito.
Nel giro di pochi anni la Galleria si era imposta come il principale punto di riferimento dei maestri riconosciuti del movimento moderno. La mostra si chiude con un’ampia sezione dedicata alla Fondazione, un progetto che, sin dalla sua genesi, deve molto agli artisti di Aimé. Dopo la tragica morte del figlio giovanissimo del gallerista, Bernard, Braque e Léger lo incoraggiarono ad aprire in sua memoria un centro dedicato all’arte moderna. Maeght raccolse l’idea e pose mano alla realizzazione di un luogo dove i diversi linguaggi espressivi potessero dialogare tra loro, in una sorta di “opera d’arte totale”.

•LA MOSTRA: “Da Braque a Kandinsky a Chagall. Aimè Maeght e i suoi artisti” - FERRARA, Palazzo dei Diamanti - dal 28 febbraio al 2 giugno.  INFO: Tel. 0532.244949


 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Carte da gioco. La collezione di Andrea Vietti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo da Vinci 3D
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo in Francia. Disegni di epoca francese dal Codice Atlantico
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo. La Madonna Benois dalle collezioni dell’Ermitage
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo e i suoi libri. La biblioteca del Genio Universale
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’eterna musa. L’universo femminile tra ‘800 e ‘900
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Preraffaelliti. Amore e desiderio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Balla Boccioni Depero. Costruire lo spazio del Futuro
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Fortunato Depero. Dal sogno futurista al segno pubblicitario
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Biennale d’Arte 2019. 58ª Esposizione Internazionale d’Arte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pensatevi liberi. Bologna Rock, 1979
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Cinema in bikini. Italiani al mare: manifesti 1949-1999
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Rock’n’roll Is A State Of The Soul
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pop-App. Scienza, arte e gioco nella storia dei libri animati dalla carta alle app
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’arte del gol. Pittura, scultura, fotografia e il gioco più bello del mondo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Piccoli tasti, grandi firme. L’epoca d’oro del giornalismo italiano (1950 – 1990)
Leggi tutto...
 
i 5arte antica

L’Italia del Rinascimento. Lo splendore della maiolica

Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Urania Casa d’Aste. Successo per i maestri del fumetto italiano
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo da Vinci 3D
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Aste Bolaffi. Oltre 5 milioni per le monete
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Un coniglio da 91 milioni di dollari
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Casa d’Aste Phillips. Orologi da record all’asta di maggio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Liu Bolin-Visible Invisible
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Anthropocene - Edward Burtynsky - Jennifer Baichwal - Nicholas de Pencier
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Roma nella camera oscura. Forografie della città dall’ottocento ad oggi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
100.000 visitatori per Verrocchio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
35º Congresso Internazionale di Storia dell’Arte
Leggi tutto...