I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
L’Impero della moda
Milano alla Triennale costumi accessori e stampe di epoca napoleonica testimoniano il ruolo determinante che la moda svolse per la rinascita del paese dopo la Rivoluzione

img
Jacques Louis David “Consacrazione dell’Impero Napoleone I e incoronazione della Pricipessa Josephine” (particolare)

Napoleone e la moda. Un inconsueto accostamento. Il fondatore del primo Impero della Francia, viene associato d’emblée  alla vita politica e militare di questa nazione e non di certo al lato più frivolo, quello legato al costume. Poche persone, infatti, sanno che la moda ha svolto un ruolo determinante nella rinascita del Paese dopo il difficile periodo della Rivoluzione e del Terrore  dal quale i francesi, come scrisse Hortense Beauharnais, uscirono disperati e disillusi.
Questi aspetti meno conosciuti del periodo Napoleonico (1795 - 1815) vengono affrontati nella nuova mostra Napoleone e l’ Impero della Moda organizzata presso la Triennale di Milano. Fino al prossimo 12 settembre, sarà infatti possibile immergersi nella società di quegli anni e seguirne l’evoluzione attraverso numerosi costumi dell’epoca. Una panoramica completa con oltre 50 capi, affiancati da una ricca selezione di accessori, di stampe e dell’archivio di Costume Parisien, la prima rivista di moda della storia.  Napoleone Bonaparte fu artefice di una profonda trasformazione della società, per primo capì l’importanza della moda e la utilizzò come uno strumento politico sia per la rinascita economica dell’industria tessile francese sia per amalgamare la vecchia nobiltà con la nuova élite della borghesia, nata dalle ceneri della Rivoluzione.

Si tratta di due classi sociali completamente diverse tra loro: una legata alle buone maniere dell’Ancien Régime, ma non più ricca e potente,  l’altra composta di parvenu ricchi di denaro, ma non di cultura. Moda e mondanità furono, quindi, utilizzate per riunire queste due realtà così distinte. L’astuto progetto di Napoleone assecondò le brame di ostentazione dei nuovi ricchi grazie ad un genere di vita mondana capace di attrarre anche la società dei nobili che avevano sempre guardato con disprezzo i nuovi arrivati. Un’operazione geniale che, in breve tempo, trasformò i parvenu del Direttorio in una classe di potere accettabile dal resto dell’Europa, grazie al gusto e alle buone maniere assimilate dalla vecchia aristocrazia.
In questa esposizione si ripercorrono le tappe delle trasformazioni sociali generate anche dallo sviluppo industriale e commerciale che ha lasciato una larga impronta nel mondo, ancora visibile oggi. Infatti, proprio in quegli anni, a cavallo tra il XVIII e XIX secolo, nascono e si diffondono le prime professionalità legate al mondo della moda, i primi grandi sarti, i parrucchieri di grido, i lussuosi negozi, le pubblicazioni antenate delle più recenti riviste femminili, insomma la passione per la moda intesa in senso moderno.  Un percorso curato da Cristina Barreto e Martin Lancaster, ricercatori e consulenti tessili del periodo Napoleonico che per l’occasione hanno messo a disposizione la loro collezione privata creata negli anni e che evidenza la reale passione per questo preciso momento storico.
Si comincia con il Direttorio - spiegano i curatori -  sensuale e stravagante; sobri e rispettabili invece, i costumi della Restaurazione borbonica, a cui si giunge movendosi tra le sale, fino a sfiorare il puritano pudore vittoriano. La radicale trasformazione della moda maschile, al passo con quella femminile, virile e democratica; la figura del militare onnipresente in questo periodo. Infine, un’ampia raccolta di stampe, immagini e oggetti del periodo e un archivio storico di Costume Parisien, la prima rivista di moda della storia, completano questo viaggio nella storia, illuminandoci, non senza un pizzico di ironia, sulle radici del fashion system di oggi.
img
“Le Bon Genre” 49, editore La Mésangère: Le Baiser deviné

•LA MOSTRA: “Napoleone e l'Impero della Moda 1795 - 1815” – MILANO, Triennale di Milano - dal 16 giugno al 12 settembre - INFO: Tel. 02.724341
 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Carte da gioco. La collezione di Andrea Vietti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo da Vinci 3D
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo in Francia. Disegni di epoca francese dal Codice Atlantico
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo. La Madonna Benois dalle collezioni dell’Ermitage
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo e i suoi libri. La biblioteca del Genio Universale
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’eterna musa. L’universo femminile tra ‘800 e ‘900
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Preraffaelliti. Amore e desiderio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Balla Boccioni Depero. Costruire lo spazio del Futuro
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Fortunato Depero. Dal sogno futurista al segno pubblicitario
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Biennale d’Arte 2019. 58ª Esposizione Internazionale d’Arte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pensatevi liberi. Bologna Rock, 1979
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Cinema in bikini. Italiani al mare: manifesti 1949-1999
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Rock’n’roll Is A State Of The Soul
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pop-App. Scienza, arte e gioco nella storia dei libri animati dalla carta alle app
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’arte del gol. Pittura, scultura, fotografia e il gioco più bello del mondo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Piccoli tasti, grandi firme. L’epoca d’oro del giornalismo italiano (1950 – 1990)
Leggi tutto...
 
i 5arte antica

L’Italia del Rinascimento. Lo splendore della maiolica

Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Urania Casa d’Aste. Successo per i maestri del fumetto italiano
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo da Vinci 3D
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Aste Bolaffi. Oltre 5 milioni per le monete
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Un coniglio da 91 milioni di dollari
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Casa d’Aste Phillips. Orologi da record all’asta di maggio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Liu Bolin-Visible Invisible
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Anthropocene - Edward Burtynsky - Jennifer Baichwal - Nicholas de Pencier
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Roma nella camera oscura. Forografie della città dall’ottocento ad oggi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
100.000 visitatori per Verrocchio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
35º Congresso Internazionale di Storia dell’Arte
Leggi tutto...