I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Giuseppe Maggiolini. Un virtuoso dell’intarsio e la sua bottega in Parabiago
Nel bicentenario della morte, Parabiago dedica  al celebre ebanista una mostra e un ciclo di manifestazioni culturali, dal 20 settembre al 9 novembre

1
Particolare di: Giuseppe Maggiolini - Cassettone con alzatina eseguita posteriormente alla fattura del cassettone, nella fronte cassetto ed anta a scomparsa, nei lati segreti a molla - 1780-1785 - Piano in marmo grigio venato. Piedi troncoconici con colletto intarsiato. Impiallacciatura ed intarsi in palissandro, bois de rose, mogano, frassino, radica di noce, pero, ciliegio, acero, acero tinto di verde.  - 120,5 x 150 x 62 cm;  alzata  30 x 90,5 cm  - Firma “Maggiolini” a bulino nella tarsia centrale dell'alzatina. - Collezione privata.

 

Parabiago celebra Giuseppe Maggiolini, maestro del mobile neoclassico, amatissimo nelle corti europee del Settecento, nel bicentenario della morte. L’arciduca Ferdinando d’Austria nominò Maggiolini Intarsiatore della Corte Asburgica, a testimonianza della grande considerazione di cui godeva presso i reali austriaci. Una fama che Giuseppe Maggiolini si era conquistato con la straordinaria abilità nella realizzazione di mobili intarsiati. Partito dalla sua bottega di Parabiago, una cittadina della provincia di Milano, Maggiolini ebbe la grande occasione quando il marchese Pompeo Litta gli commissionò un canterano e altri arredi per la sua villa di Lainate. Il grande successo che ottennero le sue realizzazioni gli aprì le porte delle altre famiglie nobili.

I mobili prodotti a Parabiago furono apprezzati e commissionati a Vienna, Pietroburgo, Parma, Modena, Firenze e Napoli. Amico e collaboratore dell’architetto Giuseppe Piermarini e del pittore Andrea Appiani, Maggiolini raggiunse una somma maestria nella realizzazione di cassettoni, stipi, tavolini, comodini arrivando ad impiegare 86 tipi di legno differenti. Alcuni di questi veri e propri gioielli di artigianato sono esposti nella mostra di Parabiago, a Palazzo Maggi Corvini e Fondazione Museo Carla Musazzi, dal 20 settembre al 9 novembre, insieme a una serie di documenti, in gran parte inediti, che testimoniano del rapporto dell’artista con la sua città. Le celebrazioni comprendono anche una serie di appuntamenti culturali su Maggiolini e i costumi della sua epoca: “come ci si vestiva nel ‘700”, “come si imbandiva la tavola” e altri aspetti della vita del tempo. Un’occasione per vedere dal vivo i prodotti di una grande tradizione di arte e artigianato italiano che ha segnato la storia del gusto europeo.

2
Particolare di:  Giuseppe Maggiolini Cassettone con piano di marmo e piedi troncoconici scanalati - 1790 - Impiallacciatura e intarsi in palissandro, bois de rose, mogano, frassino, bosso, acero. Al centro profilo di matrice classica racchiusa all'interno di una cornice con cornucopie. Firmati “Maggiolini” a bulino nel centro della tarsia del fianco destro - 90 x 130,5 x 58 cm   - Collezione privata

•LA MOSTRA: “Giuseppe Maggiolini. Un virtuoso dell’intarsio e la sua bottega in Parabiago” - PARABIAGO (MI), Palazzo Maggi Corvini e Fondazione Museo Carla Musazzi - dal 20 settembre al 9 novembre - INFO: Tel. 02.39400290

 

 

 

 

 

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Sassofono mania. La collezione di Sax di Attilio Berni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La luce e i silenzi: Orazio Gentileschi e la pittura caravaggesca nelle Marche del Seicento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Con nuova e stravagante maniera. Giulio Romano a Mantova
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Luca Signorelli e Roma. Oblio e riscoperte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Canova. Eterna Bellezza
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Giapponismo. Venti d’Oriente nell’arte europea. 1860 – 1915
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Impressioni d’Oriente. Arte e collezionismo tra Europa e Giappone
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
De Pisis
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Futurismo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Gli anni Venti in Italia. L’età dell’incertezza
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Bacon, Freud, la scuola di Londra. Opere dalla Tate
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
De Chirico
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Natalia Goncharova. Una donna e le avanguardie tra Gauguin, Matisse e Picasso
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
#FacceEmozioni. 1500-2020: dalla fisiognomica agli emoji
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Napoli Napoli. Di lava, porcellana e musica
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Fili d’oro e dipinti di seta. Velluti e ricami tra Gotico e Rinascimento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Libri e Manoscritti all’incanto
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Carosello. Pubblicità e Televisione 1957-1977
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Cha-Ching! L’arte del risparmio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Artisti per Nuvolari
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Biennale Internazionale dell’Antiquariato di Firenze
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
69ª Borsa Scambio del giocattolo d'epoca
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mercatino di Sabbioneta (MN) il 28 e 29 settembre un’edizione straordinaria
Leggi tutto...