I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

BRUNO ROVESTI. ANTOLOGICA

Inaugura a Palazzo Bentivoglio di Gualtieri - RE una mostra dedicata a uno dei più autentici esponenti della pittura naïf italiana. Dal 3 settembre al 13 novembre


img
Bruno Rovesti, Macellazione clandestina, 1959, olio su faesite, cm 66 x 75

La splendida Sala dei Giganti di Palazzo Bentivoglio a Gualtieri (RE), accoglie dal 3 settembre al 13 novembre 2016, l’antologica dedicata a Bruno Rovesti (1907-1987), “pittore contadino celebre europeo”, uno degli esponenti più autentici della pittura naïf italiana.

La rassegna, curata da Sandro Parmiggiani, organizzata dal Comune di Gualtieri e dalla Fondazione Museo Antonio Ligabue, presenta 60 dipinti in grado di ripercorrere l’intero iter creativo di Bruno Rovesti e si tiene in contemporanea con l’esposizione del primo nucleo di 63 opere del Museo Antonio Ligabue per consolidare l’immagine di Gualtieri come luogo privilegiato per la conoscenza dell’artista.

La vicenda umana e artistica di Bruno Rovesti si lega a doppio filo sia con Gualtieri, paese dov’è nato e vissuto, sia con quella di Ligabue, che conobbe e frequentò, ancorché in certe sue prime dichiarazioni, successivamente da lui stesso confutate, lo ritenesse in un qualche modo suo ‘avversario’. Ricorda tuttavia Rovesti, nella sua ‘nastrobiografia’ - ovvero il racconto della sua vita incisa su nastro dalla sua voce e raccolto, su indicazione di Cesare Zavattini, da Alfredo Gianolio tra gli anni settanta e gli anni ottanta - che Ligabue “veniva in casa mia a prendere la polenta da mangiare, ci davo poco companatico perché ce n’era poco, però ci ho sempre dato qualche cosa, ci ho imprestato anche dei colori che gli ho regalato perché non li ho più visti. A ogni modo Ligabue […] era un grande artista, che ha sempre fatto cose molto belle. […] Ci hanno messo uno contro l’altro, è stata certa gente, gente analfabeta, che non sanno neanche cosa vuol dire un pennello […]. Io sono sempre stato uno che ha difeso Ligabue, anche quando gli tiravano della terra, gli tiravano dietro delle pietre, io questo non gliel’ho mai fatto, io gli ho voluto troppo bene a Ligabue […]”.



La mostra analizzerà l’aspetto più autentico dell’arte naïf di Rovesti. Davanti ai suoi dipinti si respira la sincerità di un uomo che cerca di raccontare e comprendere quello che se ne sta intorno a lui, o che vede in qualche parte del mondo, dove si è recato o che ha visitato nell’immaginario, per conquistarsi una propria identità e una propria visione dell’umana esistenza. 
Sulle sue tele scorrono persone, intente alle più varie occupazioni di lavoro o di svago, animali domestici, pesci, uccelli che volano nel cielo, case ed edifici, strade, ponti e piazze, alberi spogli che esibiscono le loro radici fuori dalla terra e tronchi tagliati come se fossero arti umani, ma anche, in tanti dipinti, una vegetazione lussureggiante che tutto assedia e che ovunque cresce, con gli stessi alberi che assumono le sembianze di fiori dai colori vivacissimi. 
Ciascun elemento del creato è trasfigurato e reso con una felicità tonale sorprendente; tutto appare, nei dipinti di Rovesti, disposto in una prospettiva peculiare e in una sorta di sorprendente, insistita ripartizione geometrica dello spazio, come se volesse padroneggiare, nella stessa struttura del quadro, una qualche tendenza al disordine insita nel reale. La rassegna si tiene in contemporanea con l’esposizione, in Palazzo Bentivoglio, del primo nucleo di 63 opere del Museo Antonio Ligabue.

img
Bruno Rovesti, Punta dei pescatori in palude marina, 1965, cm 90 x 140

•LA MOSTRA: “Bruno Rovesti. Pittore contadino celebre europeo” - GUALTIERI (RE),  Palazzo Bentivoglio - dal 3 settembre al 13 novembre - INFO: 0522/221853 

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
60 anni di Mini
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Carthago. Il mito immortale
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo e La Madonna Litta
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Raffaello e gli amici di Urbino
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Da Tiziano a Rubens. Capolavori da Anversa e da altre collezioni fiamminghe
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Bernardo Bellotto 1740. Viaggio in Toscana
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ritratto di giovane donna del Correggio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Vittorio Corcos. L’avventura dello sguardo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
I Macchiaioli. Storia di una rivoluzione d’arte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Monet e gli impressionisti in Normandia. Capolavori dalla Collezione Peindre en Normandie
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Hokusai, Hiroshige, Utamaro. Capolavori dell’arte giapponese
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Peggy Guggenheim. L’ultima Dogaressa
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Hokusai Hiroshige Hasui - Viaggio nel Giappone che cambia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Altan. Pimpa, Cipputi e altri pensatori
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Veleni e magiche pozioni. Grandi storie di cure e delitti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Bici davvero! Velocipedi, figurine e altre storie
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La luna. E Poi?. 50 anni dall’allunaggio: storia e prospettive dell’esplorazione spaziale
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Milano anni 60
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ond’evitar tegole in testa! Sette secoli di assicurazione
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Un Milione di giocattoli
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Carthago. Il mito immortale
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Scripta - XXIV Mostra e Mercato del Libro Antico e di Pregio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Lucca Comics & Games 2019
Leggi tutto...