I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

GIO’ POMODORO. Il disegno e l’opera

Una mostra a Torino rende omaggio al maestro marchigiano a 15 anni dalla sua scomparsa. Al Museo di Arti Decorative Accorsi – Ometto, dal 14 luglio al 10 settembre 2017


img
Particolare di: Segni, 1957/58 - Argento montato su marmo - nero del Belgio, cm 33,5 x 73 x 18 Collezione Bruto Pomodoro


A quindici anni dalla scomparsa di Giò Pomodoro e a cinque dall’ultima importante personale, la Fondazione Accorsi – Ometto desidera omaggiare lo scultore marchigiano con la rassegna Giò Pomodoro. L’opera scolpita e il suo disegno, dal  14 luglio al 10 settembre 2017).In questo nuovo percorso espositivo le sculture dialogano con una ricca selezione di opere pittoriche su carta, per sottolineare l’assoluta importanza che l’artista attribuiva al progetto e all’ideazione, fasi imprescindibili da cui partire per la creazione delle sue opere. Gio’ Pomodoro (Orciano di Pesaro 1930 - Milano 2002) è uno scultore di fama internazionale: negli anni ’50, si trasferisce a Milano e frequenta l’ambiente artistico di Brera, sviluppando nuovi mezzi formali ed espressivi che saranno costanti lungo tutta la sua carriera artistica. Dopo aver collaborato alla rivista il “Gesto”, partecipato alla mostra Arte nucleare e preso parte al Gruppo Continuità da cui, successivamente, si distacca, per diversità di ricerche, dà l’avvio alle proprie sperimentazioni informali sul Segno, per poi approdare ai grandi cicli sulla Materia e il Vuoto (le sue opere più note sono Superfici in Tensione e Folle), e sulla Geometria (con l’opera Soli, Archi e Spirali).



Per un certo periodo si dedica anche a scenografia, oreficeria e design. Pomodoro è anche autore di opere pubbliche monumentali: a Torino, sono sue la grande scultura in bronzo Sole Aerospazio, del 1989, in piazza Adriano e il modello in marmo della scultura Sole aerospazio all’ingresso della GAM. Per meglio comprendere l’importanza e l’unicità delle opere di Gio’ Pomodoro, la Fondazione Accorsi – Ometto, con questa mostra, intende affrontare la figura dell’artista partendo dal momento iniziale dell’ideazione: il Maestro, infatti, dava assoluta importanza al progetto della scultura.

img
Tracce (Fluidità), 1958 - Bronzo lucido, cm 31 x 60 x 9 - Collezione Bruto Pomodoro

L’opera disegnata (il progetto, appunto), sia concepita a mano libera, in totale libertà segnica, sia rigorosamente progettata a tecnigrafo, secondo le leggi della Sezione Aurea, è sempre stata, per lo scultore, un momento indissolubile della propria ricerca, tanto da divenire opera a sé stante, che vive di vita propria per l’alta qualità pittorica che contraddistingue il lavoro di Gio’ Pomodoro pittore. I 57 capolavori in mostra, coprendo il periodo 1954 - 2000, offrono, pertanto, un esaustivo esempio di opere tri e bidimensionali dei cicli più importanti del Maestro: accanto a 23 sculture in bronzo, marmo e pietra, sono esposti 30 disegni (alcuni dei quali inediti), fra i quali spicca il grande acquerello intitolato Nutritore, che rappresenta un maestoso Sole, di due metri per due.

img
Particolare di: Ubi materia ibi geometria, 1993 - Acquerelli, ossidi e matita su carta, cm 54,5 x 74,5 - Collezione Bruto Pomodoro

•LA MOSTRA: “Gio’ Pomodoro. L’opera scolpita e il suo disegno” - TORINO, Museo di Arti Decorative Accorsi – Ometto - dal 14 luglio al 10 settembre - INFO: 011 837 688 int. 3 - http://www.fondazioneaccorsi-ometto.it

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Collezione: vetri realizzati con uranio, la collezione di Chris Copo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il Cinquecento a Firenze. Tra Michelangelo, Pontormo e Giambologna
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Luigi Crespi ritrattista nell’età di Papa Lambertini
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Legati da una cintola. L’Assunta di Bernardo Daddi e l’identità di una città
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Dentro Caravaggio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Longobardi. Un popolo che cambia la storia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Picasso. Tra Cubismo e Classicismo 1915-1925
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Van Gogh. Tra il grano e il cielo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Rosso Guttuso
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
David Hockney. 82 Portraits and 1 Still-life
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Hans Hartung. Polittici
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Nasa, a human adventure
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’arte in tasca. Calendarietti, réclame e grafica 1920-1940
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pubblicità! La nascita della comunicazione moderna 1890-1957
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il tessuto come arte: Antonio Ratti imprenditore e mecenate
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ayrton Senna. L’ultima notte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tesori dei Moghul e dei Maharaja. La Collezione Al Thani
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Lady Diana. Uno spirito libero
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Werner Bischof. Fotografie 1934-1954
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Robert Capa. Retrospective
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Roma in libertà
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sale la febbre per le auto storiche
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Carta Canta, a Reggio Emilia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mercanteinfiera Autunno 2017
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pisa Colleziona. Rassegna annuale del collezionismo Pisano
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Millennium Mostra Scambio Auto e Moto d'epoca
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Libri e grafica in asta
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
XXXI edizione di Antiquariato Nazionale di Villa Castelbarco
Leggi tutto...