I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Lo spirituale nell’arte

Dall’astrattismo spirituale di Wassily Kandinsky al silenzio illuminato di John Cage a Palazzo Magnani, dal 11 novembre 2017 al 25 febbraio 2018


img
PARTICOLARE DI: Wassily Kandinsky, Acquarello per Violett (Tavola II), 1914 Grafite, inchiostro di china e acquarello su carta, 25,1 x 33,3 cm Centre Pompidou, Musée National d’Art Moderne - Centre de Création Industrielle, Parigi. © Centre Pompidou, MNAM-CCI, Dist. RMN - Grand Palais / Philippe Migea


L’11 novembre, a Palazzo Magnani di Reggio Emilia, apre al pubblico una grande mostra su arte e musica che parte da Kandinsky e approda a Cage. Dove le nozioni di interiorità e spiritualità vengono indagate come temi aperti, capaci di raccogliere molte suggestioni.
“A partire dalla fine dell’Ottocento, e poi fino ai giorni nostri, anticipa la curatrice Martina Mazzotta, si può individuare un filo rosso che pone la musica in connessione con gli sviluppi dell’arte moderna e contemporanea. Non vi è artista che non si sia confrontato con l’immaterialità dell’arte-sorella, con la sua sovrana indipendenza dal mondo del visibile e dalle finalità riproduttive”.



E’ da queste premesse che prende avvio la mostra “Kandinsky→Cage: Musica e Spirituale nell’Arte”, presentando preziosi bozzetti di opere di Richard Wagner (dell’Archivio Ricordi di Milano), la “Fantasia di Brahms” di Max Klinger e una serie di Lubok. Segue un importante nucleo di una cinquantina di opere di Wassily Kandinsky – dipinti, acquerelli, grafiche – provenienti da musei e collezioni private, tra le quali spiccano quelle di carattere eminentemente musicale.
Dal confronto dialettico con un musicista e artista grande come Constantin Čiurlionis, Kandinsky giunge intorno al 1910 all’astrattismo spirituale e apre la via al suono interiore dei segni e dei colori, alla continua ascesa verso la libertà della materia. Le espressioni artistiche, ricondotte all’unità del soggetto e al suo ruolo di artefice, spostano l’attenzione sull’interiorità, su quello che Kandinsky chiama das Geistige in der Kunst (lo spirituale nell’arte). La tensione profetica verso l’età dello spirito che anima l’omonimo libro, scritto nel 1909 e poi pubblicato nel 1912, viene drammaticamente negata dall’avvento del primo conflitto mondiale.


img
PARTICOLARE DI: Il forte glorioso valoroso Bogatyr’ Ivan Carevič, figlio dello zar Vjačeslav Andronovič, monta il lupo grigio, porta l’uccello di fuoco e la bellissima Elena sul cavallo dalla criniera dorata Autorizzazione della censura marzo 1887 Litografia colorata, 334 x 436 mm Collezione A. Milano

La musica resta tuttavia l’ambito privilegiato, nel percorso di Kandinsky come in quello degli altri artisti in mostra, per proseguire verso la via dell’arte astratta, da interpretare anche in senso mistico, antroposofico, religioso e cosmico. La fusione sinestesica e l’empatia, rappresentano presupposti fecondi per guidare i visitatori attraverso il percorso della mostra dove pittura, scultura, teatro, danza e cinema si relazionano alla non-oggettività della musica.

img
PARTICOLARE DI: Marianne Werefkin, Libretto di schizzi, s.d. Tecnica mista, 12,5 x 18 cm Fondazione Marianne Werefkin Museo Comunale d’Arte Moderna, Ascona

•LA MOSTRA: “Kandinsky→Cage: Musica e Spirituale nell’Arte” - REGGIO EMILIA, Palazzo Magnani - dal 11 novembre al 25 febbraio 2018 - INFO: tel. 0522.454437– www.palazzomagnani.it

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Rivoluzione Galileo. L’arte incontra la scienza
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Odissee. Diaspore, invasioni, migrazioni, viaggi e pellegrinaggi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ambrogio Lorenzetti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Bernini
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il Rinascimento giapponese. La natura nei dipinti su paravento dal XV al XVII secolo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il paradiso di Cuno Amiet
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Honoré Daumier: attualità e varietà
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Rubaldo Merello tra divisionismo e simbolismo. Segantini, Previati, Nomellini, Pellizza
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Duchamp, Magritte, Dali’. I Rivoluzionari del ‘900
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Kandinsky→Cage: Musica e Spirituale nell’Arte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’essenziale verità delle cose. Francesco Trombadori
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
MACCHINE PER CUCIRE Oltre mille esemplari nella collezione di Giovanni Boldin
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sotheby’s Milano. Prima asta online senza commissione
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Auto d’epoca. Le quotazioni all’asta Bonhams
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Record per il Daytona di Paul Newman
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Intrecci preziosi. La catena tra funzione e ornamento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Splendida Persia, visioni nel Gioiello
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Lotterie, lotto, slot machines. L’azzardo del sorteggio: storia dei giochi di fortuna
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tarocchi. Dal Rinascimento a oggi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
I Grandi Maestri. 100 Anni di fotografia Leica
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Genesi. Di Sebastião Salgado
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Wildlife Photographer of The Year
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Artissima a Torino. La piattaforma delle nuove tendenze
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
A 7.8.Novecento l’antico è pop
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’appuntamento dei collezionisti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Borsa Scambio del Giocattolo di Calenzano
Leggi tutto...