I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Rivoluzione dell’arte e dello spirito

DUCHAMP, MAGRITTE, DALÌ A Bologna una grande anteprima internazionale. A Palazzo Albergati capolavori dall’Israel Museum di Gerusalemme. Fino al 11 febbraio 2018


Dadaismo e Surrealismo: è passato un secolo da quando queste due fondamentali correnti hanno fatto la loro comparsa e, ai nostri giorni, accostamenti “meravigliosi”, automatismo, ready made, fotomontaggio, metamorfosi, paesaggi onirici sono per noi ovvi e scontati, in arte e non solo. Ma all’epoca, gli artisti che per primi hanno inventato tecniche, costruito ideologie, scoperto e applicato la psicanalisi freudiana all’arte e alla vita, non solo hanno sfidato e rinnegato la tradizione, ma hanno introdotto materiali e strategie innovativi destinati a trasformare il vocabolario dell’arte e, soprattutto, lasciato un’eredità che non si è ancora esaurita. A Bologna apre al pubblico la straordinaria mostra dedicata a quei nomi del mondo dell’arte che hanno rivoluzionato il Novecento.
Duchamp, Magritte, Dalì, Ernst, Tanguy, Man Ray, Calder, Picabia e molti altri, tutti insieme per raccontare un periodo di creatività geniale e straordinaria. Sono oltre duecento le opere esposte, tutte provenienti dall’Israel Museum di Gerusalemme che, con grande generosità, per l’occasione ha svuotato oltre mille metri quadri del proprio percorso espositivo mettendo a disposizione dei visitatori bolognesi le proprie incredibili collezioni. 



Spronato dalla devastazione della prima guerra mondiale, il Dadaismo nacque nel 1916 a Zurigo, e si diffuse rapidamente a Berlino, Hannover, Colonia, New York e Parigi. Per i dadaisti, la guerra incarnava la prova definitiva del fallimento del razionalismo e della cultura borghese della fine del XIX secolo, al punto che il movimento venne lanciato con alcune performance contro la guerra al Cabaret Voltaire di Zurigo. Nel Manifesto del 1918 il poeta rumeno Tristan Tzara dichiarò che la parola infantile ma suggestiva “dada” (“cavallo a dondolo” in francese ma non solo questo è il significato attribuito al termine dada), scelta a caso da un dizionario francese-tedesco, non significava niente. Nell’intento di distruggere i principi consolidati e decostruire il tradizionale linguaggio dell’arte, i dadaisti adottarono idee e modalità espressive radicali. I loro collage, assemblage, fotomontaggi, readymade, film e performance sono considerate antiarte nichilista.
A raccontare tutto questo in mostra saranno presenti opere di Kurt Schwitters, Hannah Höch, Erwin Blumenfeld, Marcel Janco, Francis Picabia, Max Ernst, Man Ray e Marcel Duchamp. Il Surrealismo, nato a Parigi nel 1919 sulla scia del fermento dadaista, ambiva invece a una rivoluzione dello spirito e alla ricerca di una realtà nuova non solo in campo artistico. Ispirandosi all’esplorazione dell’inconscio praticata da Sigmund Freud, il Manifesto del 1924 invocava le forze irrazionali e creative che si nascondono nella psiche umana. L’uso degli accostamenti casuali, dell’automatismo, delle forme biomorfiche, l’immaginario onirico e la manipolazione di oggetti quotidiani, caratterizzano il lavoro di artisti diversi tra loro come André Breton, Max Ernst, Joan Miró, René Magritte, Salvador Dalí, tutti presenti in mostra


•LA MOSTRA:  “Duchamp, Magritte, Dali’. I Rivoluzionari del ‘900” - BOLOGNA, Palazzo Albergati - fino all’11 febbraio 2018 - INFO: 051.030141 - www.palazzoalbergati.com

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Bilance, bascule, stadere: la collezione di Rolando Ondei
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Da Ribera a Luca Giordano. Caravaggeschi e altri pittori
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’Eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Dürer e il Rinascimento tra Germania e Italia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Egizi Etruschi. Da Eugene Berman allo Scarabeo Doratoi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La Madonna Esterházy di Raffaello
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Luigi Busi. L’eleganza del vero 1837-1884
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Impressionismo e avanguardie. Capolavori dal Philadelphia Museum of Art
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Rodin. Un grande scultore al tempo di Monet
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Picasso, De Chirico, Morandi, 100 capolavori del XIX e XX secolo dalle collezioni private bresciane
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Renato Guttuso. L’arte rivoluzionaria nel cinquantenario del ‘68
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Stati d’animo. Arte e psiche tra Previati e Boccioni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Lenci, collezione Giuseppe e Gabriella Ferrero
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
PerFumum. I profumi della Storia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La Vespa nella Storia e nell’Arte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Magnum Manifesto. Guardare il mondo e raccontare la fotografia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Italiana. L’Italia vista dalla moda 1971-2001Italiana. L’Italia vista dalla moda 1971-2001
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Marie Antoinette. I costumi di una Regina da Oscar
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Musei Italiani. Record di visitatori
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
49° Bologna Mineral Show
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mercanteinfiera Primavera
Leggi tutto...