I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Il paradiso di Cuno Amiet. Impressioni di bellezza agreste

Al Museo d’Arte di Mendrisio, fino al 28 gennaio 2018


img
PARTICOLARE DI: Cuno Amiet - Ragazzo bretone (Bretonischer Knabe) 1893, olio su tela, 65 x 80 cm - Kunsthaus Zürich, Vereinigung Zürcher Kunstfreunde


Cuno Amiet (Soletta, 1868; Oschwand, 1961) è - nella scia di Ferdinand Hodler - tra le personalità più rappresentative dell’arte svizzera della prima metà del Novecento, probabilmente dopo Hodler la più conosciuta. Amiet può essere indicato come la figura di riferimento in area francofona e maggiore esponente svizzero di una tradizione francese impressionista e postimpressionista. Per un verso o per l’altro, entrambi sono da considerare i padri della pittura moderna svizzera.
Partito giovanissimo in compagnia di Giovanni Giacometti alla volta di Parigi e poi della Bretagna, dove vive l’esperienza Nabis a Pont-Aven sulle tracce di Gauguin, Amiet si farà conoscere per le sue straordinarie qualità di colorista. 



Per un ventennio, nel corso dei primi due decenni del Novecento, la sua opera rappresenta la punta di diamante dell’avanguardia artistica svizzera. Non solo Amiet si ritrova nel cuore delle nuove tendenze francesi, tra simbolisti e neoimpressionisti, ma pochi anni dopo anche tra i fondatori, con Kirchner, Heckel e alcuni altri del gruppo Die Brücke, all’origine dell’espressionismo tedesco. Nei primi due decenni il suo lavoro si contraddistingue per la continua sperimentazione, le innovative scelte compositive e soprattutto cromatiche.
Amiet è anche noto per i suoi soggetti - i suoi paesaggi, le sue figure, le sue nature morte – sempre improntati a un forte senso di armonia e serenità.


img
PARTICOLARE DI: Cuno Amiet - Nudo femminile sdraiato con fiori (Liegender Frauenakt mit Blumen) 1912, olio su tela, 100 x 160.5 cm - Kunstmuseum Bern, Legat Eduard Gerber, Bern

Influenzato dalla forte spiritualità gauguiniana e Nabis, in una sorta di sacra unione uomo e natura e in parallelo all’esperienza francese dei Fauves vissuta all’insegna della ben nota joie de vivre, Amiet sviluppa nel tempo, senza mai venirne meno, un proprio codice di valori positivi, incentrato sul sentimento di pienezza e di felicità che si gode in un’esistenza trascorsa in armonia con il mondo esterno, pienamente appagata dalla bellezza della natura, dalle sue innumerevoli manifestazioni di luci e colori. Per gran parte della sua vita Amiet dipinge nella campagna bernese, a Oschwand, in un ambiente di intatta bellezza agreste. Figure, paesaggi, gli stessi interni e le nature morte, riportano sempre alla mente - attraverso colori, luci e tagli compositivi - un’impressione di Arcadia, di paradiso terrestre, che viene scandito dai rapporti umani, dal lavoro nei campi, dall’amore verso il prossimo e la famiglia, dall’immergersi dell’uomo nella natura. È un sentimento di fondo basilare nell’opera di Amiet, coerente e riscontrabile lungo tutto il suo percorso.

img
PARTICOLARE DI: Cuno Amiet - Doppio ritratto (Doppelporträt) 1903, tempera su tela, 114 x 192 cm - Collezione privata

•LA MOSTRA: “Il paradiso di Cuno Amiet” - MENDRISIO (SVIZZERA), Museo d’Arte di Mendrisio - fino al 28 gennaio 2018 - INFO: tel. +41916403350 - http://museo.mendrisio.ch/

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Rivoluzione Galileo. L’arte incontra la scienza
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Odissee. Diaspore, invasioni, migrazioni, viaggi e pellegrinaggi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ambrogio Lorenzetti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Bernini
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il Rinascimento giapponese. La natura nei dipinti su paravento dal XV al XVII secolo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il paradiso di Cuno Amiet
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Honoré Daumier: attualità e varietà
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Rubaldo Merello tra divisionismo e simbolismo. Segantini, Previati, Nomellini, Pellizza
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Duchamp, Magritte, Dali’. I Rivoluzionari del ‘900
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Kandinsky→Cage: Musica e Spirituale nell’Arte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’essenziale verità delle cose. Francesco Trombadori
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
MACCHINE PER CUCIRE Oltre mille esemplari nella collezione di Giovanni Boldin
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sotheby’s Milano. Prima asta online senza commissione
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Auto d’epoca. Le quotazioni all’asta Bonhams
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Record per il Daytona di Paul Newman
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Intrecci preziosi. La catena tra funzione e ornamento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Splendida Persia, visioni nel Gioiello
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Lotterie, lotto, slot machines. L’azzardo del sorteggio: storia dei giochi di fortuna
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tarocchi. Dal Rinascimento a oggi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
I Grandi Maestri. 100 Anni di fotografia Leica
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Genesi. Di Sebastião Salgado
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Wildlife Photographer of The Year
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Artissima a Torino. La piattaforma delle nuove tendenze
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
A 7.8.Novecento l’antico è pop
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’appuntamento dei collezionisti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Borsa Scambio del Giocattolo di Calenzano
Leggi tutto...