I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Il disegno dell’Ottocento

A VERONA una mostra per riscoprire la bellezza e la varietà del disegno italiano del XIX secolo. Al Museo di Castelvecchio, Sala Boggian fino al 25 febbraio 2018


img
PARTICOLARE DI: Giovanni Segantini, Dopo un bacio, 1895-1898 circa, matita nera e carboncino su carta - Civici Musei d'Arte di Verona, Gabinetto Disegni e Stampe


Oltre settanta fogli tra schizzi, bozzetti e disegni finiti di autori italiani del XIX secolo, in gran parte inediti, sono esposti alla Sala Boggian del Museo di Castelvecchio di Verona in occasione della mostra Il segno dell’Ottocento. Disegno italiano a Verona, in programma fino al 25 febbraio 2018. La preziosa e consistente selezione di disegni
mostra la varietà della grafica italiana del XIX secolo, le molteplici funzioni a cui assolve questa manifestazione artistica e i vari soggetti che gli autori raffigurano con la matita, la penna e i pastelli.



La presenza di disegni sia della prima sia della seconda metà del secolo permette di apprezzare i cambiamenti che avvengono nelle tecniche, nello stile e pure nella finalità della pratica del disegno, variazioni che si rivelano ora tangenti ora parallele ai progressi della pittura e della scultura, come si può apprezzare dal confronto con i dipinti e la scultura esposti a commento dei disegni.
I molti e pregevoli disegni della seconda metà del secolo - precisa l’assessore alla Cultura Francesca Briani - aiutano a mettere a fuoco un momento cruciale per l’evoluzione della grafica italiana: le correnti artistiche che si sviluppano e si affermano in questo periodo infatti sembrano mettere in discussione la funzione del disegno quale imprescindibile primo momento della composizione artistica. “Tuttavia - scrive Elena Casotto, curatrice della mostra insieme a Sara Rodella - se si accetta l’assunto della “crisi” del disegno nella seconda metà dell’Ottocento, si deve intendere questo termine come momento di revisione, riflessione e infine rielaborazione dell’esercizio grafico per raggiungere una nuova grammatica e anche un nuovo linguaggio del segno, che diviene sempre più autonomo dalla pittura e dalla scultura”.


img
PARTICOLARE DI: Giovanni Fattori, Due donne in un interno, 1893, matita nera e inchiostro a penna su carta - Biblioteca Civica di Verona, Fondo Pariani

La mostra si articola in tre sezioni tematiche: nella prima sono esposti i disegni di paesaggi e i fogli di studio sulla natura; nella seconda si entra ne vivo del processo creativo, osservando i disegni in cui gli artisti studiano una composizione nel suo insieme o ne analizzano una specifica parte; infine nell’ultima sezione sono raccolti i ritratti, gli autoritratti e gli studi sulla figura umana, uno dei soggetti più complessi ma anche più affascinanti che un artista possa affrontare.

img
PARTICOLARE DI: Attilio Pratella Studi di figura 1882 circa - inchiostro a penna e inchiostro diluito su carta, Biblioteca Civica di Verona, Fondo Pariani

•LA MOSTRA:  “Il segno dell’Ottocento. Disegno italiano a Verona” - VERONA, Museo di Castelvecchio - fino al 25 febbraio 2018 - INFO: 045 8062611 -  www.museodicastelvecchio.it

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Collezione Figurine
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Magister Canova
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Eco e Narciso. Ritratto e autoritratto nelle collezioni del MAXXI e delle Gallerie Nazionali Barberini Corsini
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Capolavori di Raffaello, Rubens e Tiepolo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Una profondissima quiete. Francalancia e il ritorno alla figura tra de Chirico e Donghi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Modigliani Art Experie
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Per sogni e per chimere. Giacomo Puccini e le arti visive
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Massimiliano e Manet. Un incontro multimediale
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Henri Matisse. Sulla scena dell’arte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Cesare Ferro Milone. La magia del colore tra Torino e Bangkok
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sotheby’s, Londra, in asta il Busto della Pace di Antonio Canova
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Orologi da collezione. Il Gran Gala dell’alta orologeria
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
828 milioni di dollari per la collezione Rockefeller
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’Italia di Magnum. Da Cartier-Bresson a Paolo Pellegrin
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Robert Doisneau: le Temps Retrouvé
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’altro sguardo. Fotografie Italiane 1965 - 2018
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Abbronzatissima. Glamour e arte all’ombra delle palme
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Federico Seneca (1891 - 1976). Segno e forma nella pubblicità
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Italiani, al voto! Manifesti elettorali dal 1945 al 1953
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
CARMI Museo Carrara e Michelangelo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La Mostra del Libro e Stampe Antiche di Città di Castello
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Manifesta a Palermo. Al via la Biennale di Arte Europea
Leggi tutto...