I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Strada facendo

2200 anni lungo la Via Emilia. Oltre 400 opere per una riflessione sulla storia della Via Emilia e sul suo fondatore, Marco Emilio Lepido. A Reggio Emilia, fino al 1 luglio 2018


img
PARTICOLARE DI: frammento di statua togata, Reggio Emilia, via S. Nicolò, Musei Civici di Reggio Emilia


Il Palazzo dei Musei di Reggio Emilia ospita la mostra On the road – Via Emilia 187 a.C. - 2017, che la città dedica – fino al primo luglio 2018 - all’antica Via consolare, al suo fondatore e alle sue radici romane e pre-romane, nell’ambito del progetto nazionale ‘2200 anni lungo la Via Emilia’. Per la città è l’occasione per riflettere sulla via Emilia, lungo la quale hanno circolato merci e persone, e con queste ultime anche idee, lingue e sensibilità religiose differenti, creando i presupposti per una città accogliente e aperta. Da limes, il confine fra l’Italia romana e un nord abitato da popolazioni “altre”, la via Emilia non avrebbe tardato a diventare, oltre che l’asse portante delle comunicazioni padane, anche il collante di genti parlanti lingue e portatrici di culture diverse. Il grande evento espositivo caratterizzerà nel suo insieme il Palazzo dei Musei, con oltre 400 opere provenienti da importanti musei nazionali o presenti nelle collezioni della città, e un allestimento curato dall’Architetto Italo Rota. Il percorso cittadino della mostra si articola poi in due sedi collaterali, presso il Museo Diocesano dove sarà approfondito il tema del primo Cristianesimo lungo la via Emilia (“Via Aemilia, Via Christi. Vie per la buona notizia”) e presso la sede del Credito Emiliano che ospiterà una sezione dedicata alla edilizia romana sullo sfondo dei resti del foro della città tuttora conservati nei sotterranei dell’istituto di credito (“Regium Lepidi” underground).



Tra i reperti più importanti in mostra, il Cippo miliare proveniente dal Museo archeologico di Bologna, con esplicita intestazione a Marco Emilio Lepido, una delle rare e tangibili testimonianze del console costruttore di strade.
Reggio Emilia riassume in sé sia peculiarità sue proprie, sia elementi comuni alla strada consolare e a tutte le città che essa lega e connette.
Nel sistema degli eventi celebrativi dei 2200 anni della Via Emilia, a Reggio Emilia spetta proporre specificamente una riflessione sulla storia della Via Emilia e sul suo Fondatore, sul significato della Strada nella contemporaneità, in un itinerario che include Età Romana, pre-Romana (Etruschi, Celti, Liguri), avvento del Cristianesimo e Medio Evo, Contemporaneità.


img
PARTICOLARE DI: soffitto a lacunari, dalla Via Emilia a S. Maurizio, Musei Civici di Reggio Emilia

Reggio è l’unica città emiliana che conserva nel proprio nome il ricordo del fondatore (eponimo), ma anche della strada su cui si impostava l’intero popolamento della regione che, a sua volta, da essa avrebbe preso nome. Particolare attenzione è dedicata perciò alla riscoperta della figura di Marco Emilio Lepido, il geniale costruttore che, sgominati i Celti e i Liguri, decise la costruzione di una lunghissima strada che collegava le colonie di Rimini e Piacenza, ma anche alla sua fortuna nel corso dei secoli.

img
PARTICOLARE DI: epigrafe funeraria di un decurione della civitas regiensium, necropoli occidentale di Regium Lepidi, Reggio Emilia, Musei Civici di Reggio Emilia

•LA MOSTRA: “On the Road. Via Emilia 187 a.C. - 2017” - REGGIO EMILIA,  Palazzo dei Musei Civici - fino al 1 luglio 2018 - INFO: tel. 0522.456477 - http://musei.comune.re.it

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
I preziosi e antichi esemplari di tsuba della collezione di Gethin Evans
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
La Roma dei Re. Il racconto dell’Archeologia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
“Tintoretto 1519-1594” e “Il giovane Tintoretto”
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Da Tiziano a Van Dyck. Il volto del ‘500
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Berengario da Carpi. Il medico del Rinascimento
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Printing R-Evolution 1450-1500. I cinquant’anni che hanno cambiato l’Europa
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Meravigliose Avventure. Racconti di viaggiatori del passato
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Carlo Carrà
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Courbet e la natura
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Arte e Magia. Esoterismi nella pittura europea dal Simbolismo alle Avanguardie Storiche
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Da Magritte a Duchamp 1929: Il Grande Surrealismo dal Centre Pompidou
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Marina Abramović. The Cleaner
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Warhol&Friends. New York negli anni ‘80
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Un’estate di aste
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ferrari F12TdF “Special Edition” in asta
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Storie di Moda. Campari e lo stile
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Vero o falso? Le figurine sotto la lente d’ingrandimento della scienza”
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pixar. 30 anni di animazione
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
CAMERA POP. La fotografia nella Pop Art di Warhol, Schifano & Co
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Willy Ronis. Fotografie 1934 - 1998
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ferdinando Scianna. Il viaggio il racconto la memoria
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Giocattoli del Novecento alla Fiera di Verona
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mercanteinfiera a Parma. Dove l’insolito fa rima con lo stile
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Carta Canta a Reggio Emilia
Leggi tutto...