I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Fragile spaccato di un’epoca

LENCI 150 opere dalla collezione Gabriella e Giuseppe Ferrero in mostra al MIC di Faenza. Dal 4 marzo al 3 giugno al museo faentino una selezione delle più belle sculture d’arredo in ceramica della storica manifattura torinese


img
PARTICOLARE DI: Sandro Vacchetti, Giovinezza, modello 442, terraglia, h 20 x 19,5 x 15,7 cm

Alla gloriosa Manifattura Lenci di Torino è dedicata la mostra al MIC di Faenza (4 marzo – 3 giugno 2018). Saranno esposte 150 opere provenienti dalla Collezione Giuseppe e Gabriella Ferrero, la più importante e ricca collezione dedicata alla storica manifattura torinese, a cui si aggiungono, per un confronto, alcuni esemplari della Manifattura Essevi (che ne imitava lo stile, fondata nel 1933 da Sandro Vacchetti, fuoriuscito dalla Lenci)..



La Manifattura Lenci nacque su iniziativa di Enrico Scavini e della moglie Elena König Scavini nel 1919 per produrre bambole e “giocattoli in genere, mobili, arredi e corredi per bambino”, ma anche un particolare tessuto per arredi, arazzi, bambole conosciuto, appunto, come “pannolenci”. Nel 1927 l’azienda decise di aggiungere a quella produzione una linea di piccole figure e oggetti in ceramica smaltata, dando vita, a partire dal 1928, ad un ricchissimo catalogo di sculture d’arredo e oggetti, quali vasi, scatole e soprammobili in terraglia fatta a stampo e dipinte che divennero immediatamente di moda tra la piccola e media borghesia italiana. Per raggiungere lo scopo e conquistare un largo mercato, la manifattura Lenci si avvalse della collaborazione creativa di importanti artisti torinesi come Sandro Vacchetti, Gigi Chessa, Mario Sturani, Abele Jacopi, Ines e Giovanni Grande, Felice Tosalli, ma anche la stessa proprietaria, Elena König Scavini, alla quale si deve la fortunata serie delle “Signorine”: fotografia al femminile della piccola borghesia torinese dei pieni anni Trenta.

img
PARTICOLARE DI: S.A.R. Principessa Bona Sancipriano di Baviera di Savoia, Albatros, 1930, terraglia, modello 114/I (dal 1929), h 11 x 64 x 36 cm

Le sculture ceramiche di Lenci traevano ispirazione dalle contemporanee riviste di moda, tra scene di costume e figure di giovani donne accattivanti e maliziose, raccontando il gusto di un’epoca e di una società.
Donne sportive, attrici, ma anche scene galanti, balli di coppia, temi rurali e mitologici, favole, grotteschi e buffi bambini, nudi femminili al limite del lezioso e donne giocosamente provocanti, accanto a Madonne con Bambino, delicate e rassicuranti, sono il repertorio visivo di una collettività in bilico tra le alterne vicende storiche del Ventennio, status symbol immancabili nei salotti della borghesia italiana. Allo stesso tempo Lenci è stata un’importante realtà industriale ed economica e una straordinaria avventura artistica capace di guardare ad esempi europei, come le Wiener Werkstätte di Vienna e le porcellane tedesche e danesi, e di competere a livello internazionale con le maggiori manifatture ceramiche.

img
PARTICOLARE DI: Elena König Scavini, A teatro, modello 840, terraglia, h 28,5 x 20,5 x 11,8 cm

•LA MOSTRA:  “Lenci, collezione Giuseppe e Gabriella Ferrero” - FAENZA, MIC - Museo Internazionale delle Ceramiche in Faenza - dal 4 marzo al 3 giugno 2018 - INFO: 0546 697311 - www.micfaenza.org

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
La collezione di Paolo Zuccari di zuppiere di manifattura italiana
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ercole e il suo mito. 
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Aztechi, Maya, Inca e le culture dell’antica America
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ovidio. Amori, miti e altre storie
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Van Dyck. Pittore di corte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Anton Maria Maragliano 1664 - 1739
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il trionfo del colore. Da Tiepolo a Canaletto e Guardi. Vicenza e i capolavori dal Museo Pushkin di Mosca. 
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Hokusai Hiroshige Oltre l’onda. Capolavori dal Museum of Fine Arts di Boston
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Angelo Morbelli. Il poema della vecchiaia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Romanticismo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Paul Klee. Alle origini dell’arte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Da Monet a Bacon. Capolavori della Johannesburg Art Gallery
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Picasso. La scultura
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
The Art of Banksy. A Visual Protest
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Max Beckmann. Dipinti, sculture, acquerelli, disegni e grafiche
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Margherita Sarfatti. Segni. colori e luci di Milano. 
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tutti gli “Ismi” di Armando Testa
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Verso il Boom! 1950 - 1962
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Valentina. Una vita con Crepax
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Auto che passione! Interazione fra grafica e design
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sfumature di terra - Ceramiche cinesi dal X al XV secolo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pietre colorate molto vaghe e belle. Arte senza tempo dal Museo dell’Opificio delle Pietre Dure
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Lisetta Carmi. La bellezza della verità
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Paparazzi. Fotografi e divi dalla Dolce Vita a oggi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il Sorpasso. Quando l’Italia si mise a correre, 1946-1961
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Triesteantiqua. Al via la 36ª edizione
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
7.8.Novecento. A Modena l’antiquariato è pop 
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo da Vinci. In mostra agli Uffizi il Codice Leicester 
Leggi tutto...