I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

“Il più grande acquarellista dell’età vittoriana”

John Ruskin “torna” a Venezia. Per la prima volta in Italia, un evento internazionale punta i riflettori su Ruskin-artista e sul suo rapporto con la città lagunare. A Venezia, Palazzo Ducale fino al 10 giugno 2018


img
Particolare di: Joseph Mallord William Turner - Venezia, Punta della Dogana e Santa Maria della Salute, 1843 Olio su tela, 62 x 93 cm The National Gallery of Art, Washington Given in memory of Governor Alvan T. Fuller by The Fuller Foundation, Inc.

Cosa sarebbe il mito di Venezia senza John Ruskin, cantore della bellezza eterna della città, tanto più affascinante ed estrema perché colta nella sua decadenza?
 Personaggio centrale nel panorama artistico internazionale del XIX secolo, scrittore, pittore e critico d’arte, l’inglese John Ruskin (1819-1900) ebbe un legame fortissimo con la città lagunare, alla quale dedicò la sua opera letteraria più nota,  “Le pietre di Venezia”: uno studio della sua architettura, sondata e descritta nei particolari più minuti, e un inno alla bellezza, all’unicità ma anche alla fragilità di questa città.



Ruskin, ammirato da Tolstoj e da Proust, capace di influenzare fortemente l’estetica del tempo con la sua interpretazione dell’arte e dell’architettura, torna ora a Venezia nei luoghi della sua ispirazione; torna a Palazzo Ducale, edificio emblematico che egli esplorò a lungo da angolazioni diverse: taccuini, acquarelli, rilievi architettonici, calchi in gesso, albumine, platinotipi. Ad ospitarlo è la sequenza di sale e loggiati tante volte raffigurati, ove la scenografia di Pier Luigi Pizzi dà risalto alle presenze architettoniche e scultoree della Venezia gotica e bizantina, medievale e anticlassica che egli tanto amava e che desiderava preservare dall’oblio.

img
Particolare di: John Ruskin - Venezia, Diga Marittima - Matita, acquerello su carta, 298 x 491 mm - Ruskin Foundation (Ruskin Library, Lancaster University), Lancaster © Ruskin Foundation, Lancaster

La mostra fa una scelta e, non potendo dare conto della complessità di Ruskin e del suo genio versatile in tanti e diversi campi, si focalizza sull’artista, articolandosi attorno a cento sue opere che ne documentano la vocazione a tradurre in immagini la realtà, fissando su migliaia di fogli, a penna e acquarello, il suo “instancabile tentativo di comprendere il mondo”. Si tratta eccezionalmente di prestiti tutti internazionali – un grande merito dell’esposizione - considerato che i musei italiani non custodiscono sui lavori. “Lo sguardo colorato di Ruskin – scrive la curatrice Anna Ottani Cavina – sarà una rivelazione per il pubblico italiano, poiché è lui il più grande acquarellista dell’età vittoriana”.


img
Particolare di: John Ruskin - Venezia, Diga Marittima - Matita, acquerello su carta, 298 x 491 mm - Ruskin Foundation (Ruskin Library, Lancaster University), Lancaster © Ruskin Foundation, Lancaster

•LA MOSTRA: “John Ruskin. Le Pietre di Venezia” - VENEZIA, Palazzo Ducale - Appartamento del Doge - fino al 10 giugno - INFO: tel. 041.2715911 - http://palazzoducale.visitmuve.it

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Gesù Bambino - La collezione Stefano Tessaro
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Annibale. Un mito mediterraneo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Roma Universalis. L’impero e la dinastia venuta dall’Africa
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Perugino, Crivelli, Giaquinto. Dai Monti Azzurri all’Adriatico
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’anima e il corpo. Immagini del sacro e del profano tra Medioevo ed Eta Moderna
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Bosch, Brueghel, Arcimboldo. Una mostra Spettacolare
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Bottega, Scuola, Accademia. La pittura a Verona dal 1570 alla peste del 1630
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Balla a Villa Borghese
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Gauguin e gli Impressionisti. Capolavori dalla Collezione Ordrupgaard
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Osvaldo Licini: Che un vento di follia totale mi sollevi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’amore materno alle origini della pittura moderna da Previati a Boccioni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
1968. Un Anno
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
100%Italia: 100 anni di capolavori a Biella, Vercelli, Torino
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
? War is over. Arte e conflitti tra mito e contemporaneità
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Annibale. Un mito mediterraneo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Fragili tesori dei principi. Le vie della porcellana tra Vienna e Firenze
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Collezione Magnani. I flaconi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
MICKEY 90. L’Arte di un Sogno
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Asta Filatelia. “I Ballons Montés volano alti”
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
I record di Christie’s
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Einstein e Dio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Annibale. Un mito mediterraneo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
32 milioni di dollari per il ciondolo di Maria Antonietta 
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
1969. Olivetti formes et recherche, una mostra internazionale
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Paolo Pellegrin. Un’antologia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Prospettiva. Viaggio negli archivi di Fondazione Fiera Milano
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Eva Marisaldi al PAC Milano
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’esposizione “100 Presepi” si trasferisce in Vaticano
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Annibale. Un mito mediterraneo
Leggi tutto...