I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

La Biennale di Peggy Guggenheim, 70 anni dopo

La mostra-omaggio celebra l’anniversario della partecipazione della collezionista americana all’esposizione del 1948. Dal 25 maggio al 25 novembre 2018 alla Collezione Peggy Guggenheim


“La mia mostra ebbe una risonanza enorme e il mio padiglione divenne uno dei più popolari della Biennale. Tutto ciò mi emozionava terribilmente, ma quel che mi piacque di più fu veder comparire nei prati dei giardini pubblici il nome Guggenheim accanto a quelli della Gran Bretagna, della Francia, dell’Olanda, dell’Austria, della Svizzera, della Polonia […] Mi sembrava di essere un nuovo paese europeo”
Peggy Guggenheim, Una vita per l’arte


Nel 2018 ricorre il 70° anniversario dell’esposizione della collezione di Peggy Guggenheim alla XXIV Biennale di Venezia, presso il padiglione greco. Per commemorare questo momento dirompente nella storia dell’arte del XX secolo, la Collezione Peggy Guggenheim presenta 1948: la Biennale di Peggy Guggenheim, mostra-omaggio allestita nelle Project Rooms dal 25 maggio al 25 novembre 2018.
La partecipazione della collezionista americana alla Biennale del 1948, la prima dopo la conclusione del secondo conflitto mondiale, fu un evento miliare non solo perché fu la prima esposizione pubblica di una collezione privata di arte moderna in Italia dopo due decenni di regime dittatoriale, ma anche perché fu la prima presentazione della collezione in Europa, dopo la chiusura della galleria newyorkese Art of This Century (1942-’47) e il trasferimento di Peggy a Venezia.



Dopo un periodo di interruzione cominciato nel 1942 a causa della guerra, è proprio nel ‘48 che la Biennale, fondata nel 1895, comincia a ricoprire un ruolo internazionale sulla scena dell’arte moderna e contemporanea: dal 6 giugno al 30 settembre viene presentata un’esposizione di capolavori dell’Impressionismo, proposta dallo storico Roberto Longhi. L’esposizione della collezione di Peggy Guggenheim è un avvenimento senza precedenti per la manifestazione. Non si era mai vista fino ad allora nel Vecchio continente una raccolta così rappresentativa di “opere dell’arte non-oggettiva”, che oltre agli italiani Giacomo Balla, Gino Severini, Giorgio de Chirico e Massimo Campigli, comprendeva soprattutto Costantin Brancusi, Jean Arp, Alberto Giacometti, Antoine Pevsner, Kazimir Malevich, Alexander Calder e Max Ernst, senza dimenticare i molti artisti americani, da William Baziotes a Jackson Pollock, da Mark Rothko a Clifford Still, mai esposti al di fuori degli Stati Uniti e qui presenti per la prima volta.
1948: la Biennale di Peggy Guggenheim mira a ricreare l’ambiente del padiglione attraverso documenti, fotografie, lettere e una maquette che per la prima volta ne ricostruisce gli spazi e l’allestimento originario del ’48, seguito dall’eminente architetto veneziano Carlo Scarpa, che collabora con la Biennale dal 1948 al 1972. Non mancheranno alcune delle opere allora in mostra, oggi parte della Collezione Peggy Guggenheim.

•LA MOSTRA: “1948: la Biennale di Peggy Guggenheim” - VENEZIA, Collezione Peggy Guggenheim - dal 25 maggio al 25 novembre 2018 - INFO: tel. 041.2405.411 - www.guggenheim-venice.it

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
La raccolta di macchine per caffè espresso di Valentina Gregori e Luca Guazzerini 
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Cantieri paralleli. Lo studiolo di Belfiore e la Bibbia di Borso. 1447-1463
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Madame Reali: cultura e potere da Parigi a Torino
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Rubens, Van Dyck, Ribera, La collezione di un principe
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Canova George Washington
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il viaggio della Chimera. Gli Etruschi a Milano tra archeologia e collezionismo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Winckelmann. Capolavori diffusi nei Musei Vaticani
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Chi ha paura del disegno? Opere su carta del ‘900 italiano dalla Collezione Ramo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Angelo Morbelli. Luce e colore
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Dall’Espressionismo alla nuova oggettività. Avanguardie in Germania
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Cani in posa. Dall’antichità ad oggi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Animalia Fashion
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Steve McCurry Animals
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Gli animali nell’Arte. Dal Rinascimento a Ceruti
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Le forme della velocità
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sturmtruppen. 50 anni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Reality 80. Il “decennio degli effetti speciali”
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Metlicovitz. L’arte del desiderio. Manifesti di un pioniere della pubblicità
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
PAGINE DA COLLEZIONE - I libri d’artista della Fondazione Cariparma
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Marcello Mastroianni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
STARS. Ritratti fotografici di Terry O’Neill
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tintoretto e Abramovic. Record di visitatori
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
A Verona i giocattoli del ‘900
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Automotoretrò e Automotoracing
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Bergamoantiquaria. Italian Fine Art
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pordenone Antiquaria e Pordenonde Arte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Vintage Selection 33
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Antiqua 2019
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Vecchi libri in piazza
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mostra Convegno dedicata al mondo della radio e del radintismo
Leggi tutto...