I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Happy Days da Guinnes

Fonzie, Richie, Potsie, Ralph, Howie e tutti gli altri protagonisti della sitcom americana che ha spopolato negli anni ’70 e ’80, rivivono nella collezione da record di Giuseppe Ganelli, entrata a far parte del Guinness dei primati grazie ai 1439 gadget e memorabilia della storica serie


di Domizia Dalia


img
Giuseppe Ganelli con l’attestazione del Guinnes

Entrare nel guinness dei primati è per molti collezionisti uno dei traguardi più ambiti da conquistare, raggiungibile solamente attraverso una ricerca costante nel tempo ed una dedizione meticolosa per la propria raccolta. Ad avere tutte queste carte in regola e ottenere la desiderata certificazione è Giuseppe Ganelli, medico radiologo di Codogno – provincia di Lodi – collezionista di memorabilia e gadget di Happy Days, la fortunata sitcom americana che a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta ha tenuto incollati agli schermi milioni di telespettatori in tutto il mondo. Un traguardo raggiunto ufficialmente solo lo scorso giugno dopo quarant’anni di ricerche, studi e incontri con gli attori protagonisti della serie con i quali è anche riuscito ad instaurare un vero e proprio rapporto di amicizia.
Fonzie, Richie, Potsie, Ralph, Howie e tutti gli altri personaggi del cast non hanno segreti, per questo loro fan cinquantenne che con la sua collezione documenta ogni curiosità della storica serie.



Dottore, possiamo dire che lei è appassionato di Happy Days fin da quando nel dicembre del 1977, è stata trasmessa in Italia la prima puntata?
Sì, da allora non ho mai perso un episodio diventando un fan della serie. Come tale ero attratto moltissimo anche dai gadget in commercio dedicati al telefilm. Mi ricordo benissimo il primo acquisto: l’action figure che rappresenta il mitico Fonzie.

img
PARTICOLARE DI: Foto d’epoca della sitcom americana

Come spesso accade la passione per qualcosa può trasformarsi in collezione. Lo stesso è successo anche a lei?
Sì, però non in maniera razionale, ma piuttosto casuale. Da ragazzo mi circondavo di tutti gli oggetti che richiamavano la serie soprattutto libri e adesivi, anche se qui in Italia, rispetto agli Stati Uniti, i veri e propri gadget scarseggiavano. Ciò che ha dato il via alla vera raccolta è stato l’avvento di internet, poiché mi ha permesso di entrare in contatto più facilmente con altri fan della serie in tutto il mondo, con i quali ho incominciato a scambiare informazioni e oggetti vari. Ovviamente anche i siti di vendita e di aste sono molto importanti. In questo modo ho arricchito gradualmente la mia collezione interessandomi non più solamente ai gadget, ma anche e soprattutto, ai cimeli provenienti dal set.

img
PARTICOLARE DI: Foto d’epoca della sitcom americana

A luglio è entrato ufficialmente nel Guinness World Records, con 1439 esemplari accertati…
Una grandissima soddisfazione, anche se in realtà possiedo circa 2mila pezzi, ma il comitato che certifica i record non ha tenuto conto di tutta di una serie di oggetti come le biografie degli attori eccetera.

img
PARTICOLARE DI: Motocicletta giocattolo di Fonzie

Come si diventa collezionista da guinness dei primati?
Non è certo semplice, perché oltre a possedere la collezione bisogna che sia ben catalogata e documentata con fotografie. Insomma, un lavoro certosino che non tutti fanno con sistematicità, compreso il sottoscritto. Il desiderio di fare ordine nella mia collezione mi ha portato un anno fa a consultare il web per raccogliere idee ed esperienze di altri. È stato così che sono entrato in contatto con un collezionista già presente nel Guinness World Records. L’input è arrivato da lui. Ho iniziato a fare un censimento di tutte le mie cose, organizzandole in una stanza-museo allestita in casa mia. Il 18 febbraio – data riportata anche sul certificato – ho presentato la domanda e dopo quattro mesi è arrivata l’ufficializzazione.

img
PARTICOLARE DI: Lunch Box Happy Days

La sua è una collezione ricchissima che comprende non solo i gadget come tazze, giocattoli gomme, t-shirt, ma anche veri e propri cimeli provenienti dal set…
Sì, sono anche i miei preferiti. Possiedo numerosissimi copioni, diciamo l’85% di tutti gli episodi, ma anche il ciak di una puntata, oppure la maglietta da baseball utilizzata da Ron Howard – Richie – nell’episodio “Padrino per Caso”.

E poi c’è il mitico flipper di Arnold’s, intorno al quale si riunivano spesso i protagonisti…
È stato un vero colpo. L’ho acquistato in Francia da un restauratore di flipper che era riuscito a sua volta ad aggiudicarselo all’incanto. Fu lui a contattare il Fan Club, di cui sono uno dei fondatori, per chiedere se c’erano collezionisti interessati. Come può immaginare non ci pensai un secondo.

img
PARTICOLARE DI: Happy Days figure action

Un segmento della sua collezione è dedicato anche ai memorabilia del trentennale di Happy Days. In che cosa consiste?
Sono tutti oggetti che provengono dalla reunion organizzata per i trent’anni del telefilm. Per l’occasione gli attori si sfidarono in una partita di baseball. Di quel match mi rimangono una delle palline e alcune divise utilizzate per la partita. Tutti esemplari a cui sono molto legato visto che è stata un’esperienza vissuta in prima persona. Tra l’altro ho avuto  l’opportunità di conoscere molti degli attori e instaurare dei rapporti di amicizia con alcuni di loro. Marion Ross – che nel telefilm interpreta la mamma, Marion Cunningham – e Henry Winkler – Fonzie – mi regalarono addirittura dei copioni.

Dei più classici gadget, invece, cosa mi può dire…
Ce ne sono per tutti i gusti dalla biancheria per la casa alle tende, dalle tazze alla gomma da masticare di Fonzie. Quelli che preferisco sono sicuramente gli action figure dei diversi personaggi e le bellissime fotografie in bianco e nero di alcune scene del telefilm. Si tratta delle immagini pubblicitarie che la ABC – il canale televisivo che trasmetteva negli USA la serie – diffondeva alla stampa per promuovere i singoli episodi. Solo di queste ne avrò più di trecento.

img
PARTICOLARE DI: Lattine di soda dedicate ad Happy Days

Lei conosce dettagli anche inediti della serie. Possiede qualche pezzo che testimonia queste curiosità?
Per esempio possiedo dei copioni di puntate mai realizzate. Tra questi uno dedicato a Leather Tuscadero la fidanzata di Fonzie, presente solo in tre puntate, e uno che narra la storia della perdita dell’iconico giubbotto di Fonzie.  

img
PARTICOLARE DI: Biglietto per partecipare alle riprese della sitcom

Lei possiede anche questo mitico giubbotto?
In realtà no. Nel mondo ve ne sono solamente tre, uno è conservato al museo Smithsonian e gli altri due sono in possesso di collezionisti privati. Uno di questi due possiede anche la moto di Fonzie. Esemplari che ho provato ad acquistare, ma purtroppo senza riuscire nell’intento.

Tra i vari pezzi della collezione noto anche una serie di ticket di Happy Days, ma cosa sono esattamente?
Un’altra curiosità. In pochi sanno che le puntate venivano girate davanti ad un pubblico, come se fosse teatro, ecco il motivo dell’esistenza di questi biglietti. Ne possiedo diversi tra cui quello dell’ultima puntata.

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
La collezione di Paolo Zuccari di zuppiere di manifattura italiana
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ercole e il suo mito. 
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Aztechi, Maya, Inca e le culture dell’antica America
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ovidio. Amori, miti e altre storie
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Van Dyck. Pittore di corte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Anton Maria Maragliano 1664 - 1739
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il trionfo del colore. Da Tiepolo a Canaletto e Guardi. Vicenza e i capolavori dal Museo Pushkin di Mosca. 
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Hokusai Hiroshige Oltre l’onda. Capolavori dal Museum of Fine Arts di Boston
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Angelo Morbelli. Il poema della vecchiaia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Romanticismo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Paul Klee. Alle origini dell’arte
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Da Monet a Bacon. Capolavori della Johannesburg Art Gallery
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Picasso. La scultura
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
The Art of Banksy. A Visual Protest
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Max Beckmann. Dipinti, sculture, acquerelli, disegni e grafiche
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Margherita Sarfatti. Segni. colori e luci di Milano. 
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tutti gli “Ismi” di Armando Testa
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Verso il Boom! 1950 - 1962
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Valentina. Una vita con Crepax
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Auto che passione! Interazione fra grafica e design
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Sfumature di terra - Ceramiche cinesi dal X al XV secolo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Pietre colorate molto vaghe e belle. Arte senza tempo dal Museo dell’Opificio delle Pietre Dure
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Lisetta Carmi. La bellezza della verità
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Paparazzi. Fotografi e divi dalla Dolce Vita a oggi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il Sorpasso. Quando l’Italia si mise a correre, 1946-1961
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Triesteantiqua. Al via la 36ª edizione
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
7.8.Novecento. A Modena l’antiquariato è pop 
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Leonardo da Vinci. In mostra agli Uffizi il Codice Leicester 
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mercatino Antiquario di Ascoli
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
“Cantarà e Catanaj” mercatino di antiquariato minore
Leggi tutto...