I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

A Cremona tra scatole di latta e ricordi del passato


img

Domenica 10 Novembre a Cremona in fraz Cavatigozzi si terrà la 59 edizione di “Un Milione di giocattoli” mostra mercato del giocattolo d’epoca e da collezione.

Grazie alla collaborazione di Paolo Marchesi, nello spazio dedicato agli eventi collaterali, sarà esposta una collezione di confezioni in latta prodotte dai primi del ‘900.

Fin dall’antichità l’uomo ha intuito che per conservare il cibo occorreva ridurne l’umidità oppure isolarlo dall’aria. I fenici, eccellenti navigatori, già nel 500 a. C. a bordo delle loro navi portavano carne secca e pesce affumicato o sotto sale, nel 50 a. C. i romani conservavano alimenti sott’olio. Le cose andarono avanti così per molti anni e solo agli inizi dell’800 si iniziò a conservare il cibo in contenitori di latta, Le prime scatole sono fabbricate a mano da uno stagnino che quando è molto bravo riesce a fare circa 100 scatole al giorno, con la rivoluzione industriale la produzione aumenta in modo considerevole e le scatole vengono impreziosite da ricercate litografie. Queste confezioni essendo fatte in latta stagnata, un materiale relativamente resistente, esaurito il loro compito primario, hanno continuato a vivere nelle case dei loro proprietari come contenitori di minuterie, bottoni, ecc. Le scatole piccole erano destinate alle famiglie e il loro contenuto consumato a livello domestico, le più grandi ornavano gli scaffali delle drogherie dove il prodotto veniva venduto sfuso. Il passo per divenire un oggetto da collezione è stato molto breve, le scatole di latta raccontano la storia dei nostri avi, i loro interessi e il loro gusto, le mode del tempo e i vari stili. Molto ricercate sono le scatole che riportano lo stemma reale. Il privilegio di utilizzare il logo reale veniva concesso alle ditte più meritevoli. Per esempio  Re Umberto I concesse il suo “brevetto” alla Lazzaroni di Saronno, S.M. la Regina Margherita alla Luigi Rossa di Vercelli, Vittorio Emanuele II alla Delser di Marignacco. 

La mostra mercato e l’esposizione saranno aperte dalle ore 9,30 alle 16 orario continuato, ingresso gratuito come di consueto.


 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
Mantova Libri Mappe Stampe
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’ottocento e il mito di Correggio
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Gemito. Dalla scultura al disegno
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Bernardino Ramazzini (1633 - 1714). Primo medico del lavoro
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Monet e gli Impressionisti. Capolavori dal Musée Marmotton Monet, Parigi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Marc Chagall “anche la mia Russia mi amerà”
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Napoli Liberty
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Banksy a visual protest
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Franco Guerzoni. L’immagine sottratta
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Marina Abramović /Estasi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Capa in color
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Cultissimi - Mitissimi - Bellissimi
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’impronta del reale. William Henry Fox Talbot. Alle origini della fotografia
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Per Gioco. La collezione dei giocattoli antichi della Sovrintendenza Capitolina
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Amazing. 80 (e più) anni di supereroi Marvel
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Diario di viaggio. Luigi d’Arco e i naturalisti dell’800
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Il mercato dell’arte al tempo del Coronavirus
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Antiquaria Padova riapre la stagione fieristica 
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
LUTTO NEL MONDO DELL’ARTE  La scomparsa di Philippe Daverio
Leggi tutto...