I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere tutti i cookies del sito.    Informativa
 

.

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Cultissimi - Mitissimi - Bellissimi. Gioioso inno alla vita

A Bologna, Galleria Spazio e Immagini, fotografie originali d’epoca dal cinema Pop italiano ’60-’70. Fino al 17 ottobre 2020


img
Particolare di: Edwige FENECH In La Pretora, 1976. Fotografia originale d'epoca di Gianfranco Massa. Stampa cromogenica su carta RC, cm. 19x24

La mostra CULTISSIMI - MITISSIMI - BELLISSIMI presenta una selezione di 30 fotografie di scena del cinema Pop italiano degli anni ’60-’70 tratta da una collezione più ampia di 300 stampe originali d’epoca presenti in galleria. La mostra si focalizza sulla qualità della fotografia di scena e di alcuni autori tra i quali Divo Cavicchioli, Antonio Casolini, Mario Mazzoni e altri, attivi in questo ambito con film esemplari del cinema di genere e della commedia italiana degli anni ’60 -’70.



Un gioioso inno alla vita in costumi d’epoca emerge dalle fotografie dei film del filone Boccaccesco, inaugurato da Pasolini  con il Decameron. Gli anni ’70  superano così felicemente  l’etichetta  di  Anni di Piombo  rivendicando l’appartenenza a un’ era di  gambe lunghissime e di seni gioiosamente esibiti. Le bellissime Laura Antonelli,  Il Merlo Maschio - 1971, Edwige Fenech,  La Pretora - 1976, Gloria Guida, L’Affittacamere- 1976 e Sydne Rome, La Sculacciata -1974  vengono immortalate dall’obbiettivo dei fotografi di scena  sui set della  Commedia Sexy all’italiana, contribuendo  con queste immagini a costruirne il mito. L’altrove, come dimensione del desiderio finalmente raggiungibile, fa fiorire un filone di cinema  esotico come nelle Seychelles di Laura Gemser in Free Love -1974, o nei Caraibi di Nadia Cassini ne Il dio Serpente -1974. Proprio in questo film, la fotografia  mostra  luoghi paradisiaci abitati da forze animistiche, come nella foto  di scena a colori evanescente in cui il corpo della Cassini si fonde con la sabbia marina.

img
Particolare di: Femi Benussi nel film Boccaccesco Metti lo diavolo tuo ne lo mio inferno, 1972. Serie di 12 provini a contatto originali d'epoca di Divo Cavicchioli. Stampa cromogenica su carta baritata

Nel 68 la politica entra  prepotentemente  in scena  come nei film   Sai cosa faceva Stalin alle donne? - 1968 e  Italiani! E’ severamente proibito servirsi della toilette durante le fermate- 1969, giocati tra nostalgie resistenziali, crisi del comunismo e consumi indotti dalla nuova industria culturale.
Un caso a sé, resta il film Blue Movie -1978, di Alberto Cavallone affrontato attraverso le immagini  del corpo-merce dove la fotografia di scena a colori immortala lattine di bibite emblema del consumismo. Il film drammatico Blue Nude del 1977, offre al regista Scattini lo spunto per indagare gli ambienti e i volti del cinema a luci rosse americano mentre il film , Il Mulino delle donne di Pietra, del 1960 costituisce un esempio felice di creatività di genere come primo film horror- fantastico italiano a colori. 
La fotografia di scena ci restituisce i caratteri peculiari degli interni dell’epoca spesso a  colori e  risulta essa stessa opera d’arte, che ha  fissato sulla carta baritata una certa società italiana ormai lontana e forse perduta. 
Si tratta di fotografie dove gli interni strizzano l’occhio agli oggetti e alle mode del design italiano che in questi anni conquisterà il mondo. 


img
Particolare di: Fotografia dal film Decameroticus, 1972. Fotografia originale d'epoca di Marcello Laurenti. Stampa ai sali d'argento su carta baritata cm. 18x24


•LA MOSTRA: “CULTISSIMI MITISSIMI BELLISSIMI” - BOLOGNA,  Spazio e Immagini - dal 3 settembre al 17 ottobre - INFO: 338.7419374 - www.spazioeimmagini.com

 

Editoriale Tricolore srl, via Pasteur 2 - 42100 (RE)| tel. 0522.557893 | fax 0522.557825 | privacy
web:author

Articoli | Menu

i 5arte antica
PER IL COLLEZIONISTA Storia della scheda telefonica italiana
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
6/900 Da Magnasco a Fontana. Dialogo tra Collezioni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Orazio Gentileschi. La fuga in Egitto e altre storie
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Tiepolo. Venezia, Milano, l’Europa
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Michelangelo. divino artista
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Raffaello. L’invenzione del divino pittore
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Inclusa Est Flamma. Ravenna 1921: il Secentenario della morte di Dante
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
I Macchiaioli. Capolavori dell’Italia che risorge
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
LA SCAPIGLIATURA. Una generazione contro
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Van Gogh. I colori della vita
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Divine e Avanguardie. Dalle icone a Malevich e Goncharova, le donne nell’arte russa
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
André Derain
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Ottone Rosai
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Andy Warhol “SUPER POP” Through the Lens of Fred W. McDarrah”
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
FUTURO. Arte e società dagli anni Sessanta a domani
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Manolo Valdés. Le forme del tempo
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Alfred Hitchcock. Nei film della Universal Pictures
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
L’archivio animato. Lavori in corso
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
6/900 Da Magnasco a Fontana. Dialogo tra Collezioni
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Mollino / Insides. Enoc Perez, Brigitte Schindler, Carlo Mollino
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Prima, donna. Margaret Bourke-White
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Paolo Ventura. Carousel
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
TEFAF online
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
All’incanto i gioielli di Moira Orfei
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Resoconti d’asta. Da Bolaffi gioielli e orologi superano i 2 milioni di euro
Leggi tutto...
 
i 5arte antica
Articoli di fermodellismo e modellismo statico e dinamico all’incanto
Leggi tutto...